il network

Lunedì 28 Maggio 2018

Altre notizie da questa sezione

in corso:

Blog


CREMONA. VENERDI' 19 GENNAIO 2018 ALLE 16,30

Il Klingon e le altre lingue della fantascienza

In sala Puerari prosegue il ciclo di conferenze 'Tra scienza e fantascienza'

Il Klingon e le altre lingue della fantascienza

dal 19/01/2018

al 19/01/2018

Aggiungi al calendario http://www.crema.laprovinciacr.it/cultura/tempo-libero/187186/il-klingon-e-le-altre-lingue-della-fantascienza.html 28/05/2018 07:21:20 28/05/2018 07:21:20 40 Il Klingon e le altre lingue della fantascienza false DD/MM/YYYY

CREMONA - Venerdì 19 gennaio 2018 conferenza del ciclo Tra scienza e fantascienza organizzato dalla associazione Gli ex dell’Aselli. Alle 16,30 in sala Puerari, ci sarà Davide Astori, linguista, giornalista e docente dell'Università di Parma, insegnante di ebraico e di arabo e grande esperto di Esperanto che lui stesso definisce «non soltanto una lingua ma anche un'etica, una comunità, una visione del mondo».

Molte lingue per un mondo immaginario è il titolo scelto per parlare di come ogni lingua, sia essa reale o inventata, serva all’uomo per indagare e raccontare il mondo, o, meglio, i mondi. Con le lingue si creano relazioni, si regola le società. Non esiste mondo senza lingua, e, come ben sottolineò Emile Cioran, prima che parlarle, le si abita. Le lingue non sono infatti solo lingue - come si crede - ma sistemi etici, comunità, visioni del mondo.

E così, per costruire mondi nuovi, uno fra i primi passi, e fondamentale, è quello di creare una lingua nuova. E ciò vale dalla politica alla pubblicità, alle scienze, alle arti, in dinamiche e processi molto più diffusi di quanto normalmente si possa nemmeno sospettare.

Così Astori propone una 'passeggiata' fra alcune lingue/culture create ad uso ludico-artistico, ma non solo (dal Balaibalan al Markusca, dal Volapuk all’Esperanto, dal Solresol al Quenia, dal Verduriano allo Stranalandese, fino alle 'Hollywood Languages', fra cui il Klingon, il Na’vi e il Dothraki), sperando di divertire e riflettere su alcuni aspetti di carattere teorico più generale sulla natura, la finalità, le funzioni, le caratteristiche di quello straordinario strumento comunicativo che rende la nostra specie diversa dalle altre.