il network

Lunedì 12 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Strade in balia delle buche
Cresce la protesta

Asfalto al collasso in centro e periferia Aumentano i pericoli per pedoni e auto Il Comune: "Mancano i fondi per la manutenzione"

Muoversi in città, a piedi, in bicicletta o in auto, è diventato un percorso ad ostacoli. Uno slalom tra buche ed avvallamenti presenti in numero sempre maggiore sulle principali vie di comunicazione e sulle strade secondarie. "Ogni giorno rischiamo infortuni o danni ai mezzi" segnalano diversi cremaschi. Dal Comune ammettono che servirebbero interventi risolutivi, ma confermano che i fondi a disposizione non consentono l’apertura di cantieri che possano risolvere almeno in parte i problemi: "Al massimo possiamo provvedere a qualche rattoppo" spiega l’assessore ai Lavori pubblici Fabio Bergamaschi. Insomma, soldi non ce ne sono e i problemi sono ormai cronici. I recenti interventi sulla rete viaria, messi in atto nelle scorse settimane per riportare in quota i tombini della rete del teleriscaldamento, lavori portati avanti per conto della Società cremasca servizi e della Società cremasca calore, non hanno ottenuto un effettivo miglioramento della situazione. Dovunque, specie nei quartieri della cintura cittadina e in alcune strade del centro storico, l’asfalto presenta situazioni pericolose. Le buche e le disconnessioni non sistemate durante l’estate sono destinate a peggiorare con l’arrivo della stagione piovosa e con le prevedibili nevicate dell’inverno. Anche i marciapiedi e le ciclabili presentano spesso analoghi problemi, con il risultato che, specialmente per gli anziani appiedati, o per le mamme che si spostano con passeggini e carrozzine, diventa sempre più complicato rimanere sui tracciati protetti. Scendere sulla strada fa aumentare il rischio di essere investiti dalle auto.

23 Settembre 2013