il network

Martedì 25 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Crema. I cremaschi erano già stati nel Modenese la scorsa primavera

Il Fatf riparte dall'Emilia
Festa grande tra i terremotati

Prima uscita della nuova edizione del festival, oggi, a Concordia sulla Secchia: parata per le vie del centro e spettacolo con oltre 600 bambini

Ha pescato sogni tra le macerie del terremoto, riportando a galla l’entusiasmo e l’energia di un popolo che non ha voluto arrendersi alla forza devastante della natura. Prima toccante uscita dell’edizione 2013/2014, oggi, per il Franco Agostino Teatro Festival: l’associazione è tornata a Concordia sulla Secchia, dove era già stata la scorsa primavera, per portare un nuovo carico di allegria e spensieratezza alla gente del posto. La terra d’Emilia si è confermata generosa nei confronti della colorata comitiva cremasca, contribuendo con passione e con una partecipazione numerosissima alla buona riuscita della festa. Decine i cremaschi che, a bordo di un pullman, hanno raggiunto la cittadina del Modenese: tra loro la presidente del Fatf Gloria Angelotti, un’affiatata squadra di artisti e tanti amici del festival. Ad attenderli c’erano oltre seicento bambini, frequentanti le diciotto classi delle scuole di Concordia: preparatissimi per l’occasione, i piccoli hanno accolto i cremaschi cantando a memoria l’inno del festival. «Alunni e insegnanti sono stati fantastici — racconta Angelotti da Concordia sulla Secchia —, ma l’intera città ha risposto alla grande». Città che, trasformata in un circo a cielo aperto, ha ospitato lungo le sue strade la parata del Franco Agostino. La giornata di festa, riassunta dallo slogan ‘Pescatori di sogni’, ha visto poi esibirsi gli artisti cremaschi guidati dal regista tuttofare Nicola Cazzalini.

13 Ottobre 2013