il network

Lunedì 24 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA 'I mondi di carta'

Alta cucina e cultura riempiono il Sant'Agostino

Centinaia di presenze per gli incontri con Philippe Daverio, Edoardo Rastelli e Simone Salvini

Trecento persone, o forse anche di più, per la conferenza di Philippe Daverio, altre decine di appassionati di cucina per lo show cooking pomeridiano di Simone Salvini, gli appuntamenti con i ristoratori cremaschi, le conferenze di don Emilio Lingiardi e dell’Airc e l’incontro con Edoardo Raspelli. Chiusura con il botto per la rassegna ‘I mondi di carta’ che ieri ha concluso i tre giorni di programma concentrando molte delle iniziative nei chiostri del museo di Sant’Agostino. La giornata è iniziata in mattinata con l’incontro con l’artista Aldo Spoldi in piazza Duomo che ha proposto la sua opera 'In Grana la prima', in riferimento al formaggio Padano dop con tanto di forme al posto delle ruote. Un'ora dopo Daverio ha incontrato i cremaschi nella sala Pietro da Cemmo, parlando del connubio tra arte e cucina, intervistato da Roberta Schira. "Anche se - ha precisato il critico - la cucina non può essere considerata arte". Nel pomeriggio è toccato a Raspelli rispondere alle domande della Schira, raccontando la sua carriera senza compromessi che lo ha portato, più di una volta, a scontrarsi con editori, ristoratori e a subire una ventina di querele "peraltro tutte vinte -ha spiegato il cronista gastronomico - e una ritirata, quella da 25 milioni di dollari della McDonald's italia". Nei chiostri dell'ex museo il pomeriggio è trascorso tra proposte culinarie, compreso lo show cooking dello chef Salvini, conferenze e degustazioni. Chi ha vissuto in prima persona I mondi di carta' ha apprezzato. Anche per la finalità benefica della tre giorni. Raccogliere fondi in favore dell'Associazione italiana per la ricerca sul cancro.

22 Ottobre 2013