il network

Sabato 20 Aprile 2019

Altre notizie da questa sezione


Calcio Lega Pro

Pergolettese all'assalto di Rimini

Impegnativa sfida dei gialloblù privi di Ferri e Sambugaro

I giocatori della Pergolettese

La Pergolettese che non ha mai perso in trasferta contro il Rimini che finora ha sempre vinto in casa propria. Per la compagine cremasca guidata da Salvatore Giunta (quattro punti per lui nelle prime due partite in panchina) si tratta di un nuovo esame di maturità: “Quello di oggi - spiega il tecnico gialloblù - è un bel test per noi, ma siamo in forma e siamo pronti ad affrontarlo al meglio”.

“I biancorossi — spiega Giunta — sanno costruire bene partendo da dietro. A centrocampo sono ordinati, mentre in avanti dispongono di due esterni rapidi come Baldazzi e Nicastro e di una punta centrale di riferimento come Fall, che è uno che lotta molto”.

La Pergolettese arriva a questo match priva del difensore Luca Ferri e del centrocampista Filippo Sambugaro, entrambi indisponibili per motivi fisici. In difesa ci sarà la conferma di Davini mentre in mediana dovrebbe toccare a Nicolò Esposito completare il reparto insieme a Tacchinardi e a Zanola.

Per la sfida di oggi alla Pergolettese, l’allenatore del Rimini Marco Osio recupera i difensori Martinelli e Gasperoni confermato il modulo 4-3-3. La Pergolettese arriva al ‘Romeo Neri’ con due grandi ex come Jeda e Buonocunto, che hanno lasciato entrambi un buon ricordo nella tifoseria locale. Un solo precedente esiste tra Rimini e Pergo, nel lontano 9 dicembre 1979, quando i romagnoli si imposero per 2 a 0.

19 Ottobre 2013

Commenti all'articolo

  • Meni

    2013/10/20 - 19:07

    Buona sera, quale tifoso della Pergolettese fin dai tempi di Veneri mi permetto di segnalare alcune situazioni invero sconcertanti determinate dallo staff dirigenziale in questi ultimi tempi: - ALLENATORE DI VALORE che si dimette ad inizio campionato a seguito di insuperabili divergenze. - arrivo con grandi annunci di giocatori di qualità poi lasciati dimenticatoio, oppure cacciati via , o peggio ancora messi a scaldare inutilmente la panchina prefigurando EVIDENTI SITUAZIONI DI MOBBING.. - risultati domenicali che - ovviamente -PEGGIORANO di domenica in domenica. Tutte sembra far pensare che a dettare le scelte non siano più le motivazioni prettamente calcistiche, bensì meri e volgari aspetti economici che calpestano senza scrupoli tutti i valori morale e sportivi. Ma che succede alla Pergolettese ?? Il sodalizio è nato e vive per " FARE CALCIO " non per "FARE (o sperare di fare) SOLDI " !! Forza Pergolettese........ R. Gaiardoni

    Rispondi