il network

Venerdì 14 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Guadagnino: 'Contento di essere a Crema, spero di tornarci con l'Oscar'

Il regista di Chiamami col tuo nome (candidato a quattro statuette) in città per la proiezione del film girato a Crema e nel Cremasco con i due attori Timothée Chalamet e Armie Hammer

Guadagnino: 'Contento di essere a Crema, spero di tornarci con l'Oscar'

Selfie con l'attore Timothée Chalamet

CREMA - "Sono contento di essere a Crema e spero di ritornarci con l'Oscar". Sono le parole di Luca Guadagnino, intercettato per le strade di Crema, regista del film Chiamami col tuo nome, candidato a quattro Oscar e girato tra la città e il Cremasco. Guadagnino è a Crema per l'appuntamento speciale - lunedì 29 gennaio alle 21 - dedicato alla proiezione della pellicola alla Multisala Portanova con i due attori Timothée Chalamet e Armie Hammer.

Dopo la partecipazione alla prima italiana (con la stampa) a Roma dei giorni scorsi, il regista e gli attori saranno a Crema per una breve introduzione alla visione. Call me by your name è in corsa per quattro Oscar, tra cui il prestigiosissimo titolo di ‘Miglior Film’. Le altre categorie per le quali i cremaschi tengono le dita incrociate sono poi ‘Miglior attore protagonista’ (Chalamet), ‘Migliore sceneggiatura non originale (che porta anche la firma di James Ivory) e ‘Miglior musica originale’ (il brano Mystery of Love di Sufjan Stevens).

E se per sognare l’Academy è ancora presto — la serata degli Oscar sarà il 4 marzo — i luoghi che fanno da scenografia al film avranno intanto il loro meritato riconoscimento: dalla villa Albergoni e il centro storico di Moscazzano (location di più del 60% della pellicola), a piazza Duomo e Premoli a Crema. E ancora piazza ‘Monumento’ a Pandino, piazza XXV Aprile a Montodine, i fontanili di Capralba, il laghetto dei riflessi di Ricengo e tanto altro. Con qualche ‘digressione’ panoramica a Bergamo Alta e sul Lago di Garda. Stasera, si scopriranno tutti i segreti della storia che ha incantato gli americani.

29 Gennaio 2018