il network

Mercoledì 14 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


IL FILM DI GUADAGNINO

Il lancio è negli Usa e Crema resta in attesa della 'prima'

Promessa alla città, si dovrà invece aspettare il passaggio della pellicola nei festival

Film di Guadagnino, il lancio è negli Usa

Le riprese del film a Crema

CREMA - L’America ha potuto ammirare le bellezze di Crema e del Cremasco sul grande schermo, con un lancio internazionale che dona lustro. Mentre la città, alla quale era stata promessa la ‘prima’ — culmine di quella campagna di promozione sulla quale il Comune di Crema ha investito 7.500 euro — dovrà aspettare ancora per riconoscersi nelle inquadrature. 'Call me by your name', film di Luca Guadagnino girato nei mesi scorsi in riva al Serio, ha avuto la sua anteprima mondiale al prestigioso Sundance Festival di Park City, nello Utah, il concorso ideato dall’attore e regista Robert Redford. Così, gli Stati Uniti hanno avuto la loro première, seppur riservata a un’élite più o meno ampia di giurati, addetti ai lavori e ad appassionati di cinema accreditati a vario titolo. Altre proiezioni seguiranno, sempre al Sundance, in questi giorni. A febbraio, il film ‘traslocherà’ al festival di Berlino. «Queste sono partecipazioni a concorsi, non una ‘prima’ nelle sale cinematografiche per il grande pubblico», rassicura l’assessore al Turismo del Comune di Crema Matteo Piloni, che ha da subito creduto fortemente nel progetto. Ma la domanda resta sempre la stessa. Quando arriverà il privilegio riservato alla città, se la pellicola ha già avuto il battesimo? «A Crema arriverà, questo è certo. Ma i tempi ancora non si conoscono», chiude l’assessore. Sfumata quindi anche la possibilità che la proiezione cremasca possa coincidere con una delle presentazioni ai festival. A meno che Guadagnino scelga di legare l’evento cremasco alle kermesse di Cannes (a maggio) o Venezia (a settembre). In ogni caso, il Cremasco rischia di restare all’asciutto ancora a lungo. E a tardare è anche il ‘ritorno turistico sul territorio’, che la pellicola avrebbe dovuto portare con sé.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

23 Gennaio 2017