il network

Martedì 12 Dicembre 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Bloccate a Cuba, il rientro in Italia si allontana

Alice Citterio è sull'isola caraibica con le due figlie, intoppi burocratici stanno rallentando la partenza

Bloccata a Cuba, Alice spera: 'Il rimpatrio non è lontano'

Alice Citterio e le due figlie

CREMA - Intoppi burocratici potrebbero far slittare il rientro in Italia di Alice Citterio e delle due figlie, da anni bloccate a Cuba dove la madre è clandestina. Non basta, infatti, la firma del padre naturale delle bimbe, residente in città, per poter ottenere il passaporto per le piccole. Raggiunto questo obiettivo, rincorso per mesi, adesso la 36enne cremasca sta incontrando diversi ostacoli tecnici. Lei stessa li ha raccontati in una mail inviata l’altra sera agli amici cremaschi, che da mesi la sostengono con raccolte fondi e iniziative. «Nonostante i consensi sudati, autorizzati, firmati, bollati, legalizzati del padre, ancora non mi è stato permesso fare i passaporti delle bambine — scrive Alice —: la polizia migratoria cubana non accetta la richiesta per passaporti di minori presentata da una mamma straniera. Hanno spiegato che prima devo almeno diventare ‘residente permanente’, condizione che da anni avrebbero dovuto concedermi e che solo ora hanno deciso di confermare per sbrogliare la matassa. Poi dovrò fare un nuovo atto notarile a mio nome per la richiesta dei passaporti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

27 Marzo 2017