il network

Lunedì 26 Giugno 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


BAGNOLO CREMASCO

Insultano i carabinieri su Fb, denunciati

Postato sui profili del social il verbale di una contravvenzione per mancanza delle cinture di sicurezza arricchito con frasi diffamatori

Insultano i carabinieri su Fb, denunciati

Un'auto dei carabinieri

BAGNOLO CREMASCO - Lo scorso 25 marzo una pattuglia dei carabinieri di Bagnolo Cremasco, durante un controllo stradale, ha imposto l’alt ad un’utilitaria condotta da un 26 enne del posto. Sul mezzo avevano preso posto anche due amici coetanei. Il conducente è stato contravvenzionato per non aver usato le cinture di sicurezza.

Nei giorni successivi, però, i militari hanno accertato che i tre giovani avevano postato sui propri profili facebook la fotografia del verbale di contravvenzione apostrofando l’operato dei militari con frasi diffamatorie.

I tre sono stati denunciatialla Procura della Repubblica per diffamazione aggravata in concorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

11 Aprile 2017

Commenti all'articolo

  • Giampaolo

    2017/04/13 - 16:04

    Ingiuriare le forze dell'ordine, ed i dispositivi atti alla regolamentazione del traffico, fà parte ormai di bullismo, egoismo, menefreghismo, mancanza di rispetto. Assistiamo quotidianamente allo scempio prodotto da troppi automobilisti, che del codice stradale, fanno solo un uso personale, improvvido e piratesco. Questo è dovuto principalmente a mancanza di controllo sulle ns strade.Come fare per correggere questo deplorevole andazzo. Chi si prende la briga di invertire la rotta sui troppi misfatti che oggi la società ci propina ? Non solo in materia stradale, ma di tutto ciò che sta investendo il ns viver civile. Di questo passo dove andremo a finire? Quale sarà il futuro dei ns figli ?

    Rispondi

  • renzo

    2017/04/11 - 17:05

    Doppiamente cretini uno per non aver allacciato le cinture di sicurezza, l'altro per aver insultato coloro che hanno fatto semplicemente il loro dovere. Da loro si deve imparare FARE IL PROPRIO DOVERE

    Rispondi