il network

Giovedì 19 Ottobre 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


SPINO D'ADDA

Sola in auto e inseguita per 40 chilometri, incubo per una spinese

La donna è riuscita a fotografare la targa e ha sporto denuncia: 'Superavano e inchiodavano per bloccarmi'

cellulare telefonino

SPINO D’ADDA - «Ero a Lodi, mentre raggiungevo a piedi la mia auto parcheggiata, due tizi mi hanno ‘fischiato’, ma io sono rimasta indifferente, non li ho degnati di uno sguardo». A quel punto i due hanno deciso di seguire la donna: sono saliti a loro volta a bordo di una Golf scura, di cui poi la signora è riuscita a fotografare la targa, e l’hanno seguita per decine di chilometri. «Mi hanno più volte sorpassata, frenando per cercare di bloccarmi e inchiodando per obbligarmi a mia volta a superarli. Ovviamente ero sola, avevo una gran paura, ma sono rimasta lucida. Ho telefonato alle forze dell’ordine, ma mi hanno detto che poteva trattarsi di una coincidenza e dunque non potevano intervenire, poi ho preso la decisione di non tornare a casa, ma di dirigermi al lavoro da mio marito. Intanto l’ho chiamato al telefono. Quando sono arrivata da lui i due si sono accorti che non ero sola e se ne sono andati». La donna ha sporto denuncia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

09 Agosto 2017

Commenti all'articolo

  • angelo

    2017/08/10 - 12:12

    e brave le forze dell'ordine e le "coincidenze"

    Rispondi