il network

Martedì 25 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


RIVOLTA D'ADDA

Ristorante offre lavoro, nessun giovane si fa avanti

La titolare del ristorante ‘L’Antico sapore’ assumerebbe subito quattro ragazzi

Ristorante offre lavoro, nessun giovane si fa avanti

RIVOLTA D'ADDA - «Ma tutti questi ragazzi che cercano lavoro, dove sono?». È la domanda che si stanno facendo al ristorante ‘L’Antico Sapore’ la cui titolare Erika Galbiati è da almeno un paio di mesi alla ricerca di persone, preferibilmente giovani, sicuramente con voglia di fare, da inserire nel suo staff.

Ad oggi questa ricerca, effettuata sia tramite e-mail che tramite social network, non ha avuto effetto. «Non avessi trovato delle persone - precisa Erika - perché io stesso, magari troppo esigente, le ho scartate dopo un colloquio ma il fatto è che per un colloquio qui non ci è venuto nessuno. Cerchiamo camerieri, almeno due, per i fine settimana ed i festivi, per un lavoro continuativo da aprile ad ottobre. Inoltre assumeremmo, inizialmente a tempo determinato e poi eventualmente a tempo indeterminato, un diplomato di scuola alberghiera per il lavoro di sala. Vorrei che fosse una persona da far crescere nel nostro team. Infine cerchiamo anche un aiuto cuoco per il fine settimana, anche in questo caso un giovane da far crescere. Lavoro, per fortuna, ce n’è, così come la possibilità di imparare visto che facciamo ristorazioni, banchettistica ed eventi ma nessuno sembra interessato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

07 Marzo 2018

Commenti all'articolo

  • s

    2018/03/12 - 20:08

    Forse saro' polemica ma mi viene subito da chedermi: vuoi vedere che saranno gli unici a non aver offerto un contratto sotto forma di stage che ad andar bene sono 600 euro mensili..vuoi vedere che il contratto che prevede lavoro serale, domenicale e festivo qui viene remunerato come si conviene..altrimenti troppo comodo dire che i giovani non si presentano...ma forse qui si parla di contratti che prevedono una vera e propria retribuzione e tutti lo scansano..forse solo a me sembra un po' fantascienza...

    Rispondi

  • Antonio

    2018/03/10 - 17:05

    Stanno tutti aspettando il reddito di cittadinanza, perché sforzarsi?

    Rispondi

  • PFG

    2018/03/09 - 08:08

    A quanto ne so non è facile per nessuno nel settore trovare personale qualificato, l'offerta è inferiore alla domanda. Semplicemente i giovani cercano altri tipi di lavoro, soprattutto che sia tecnologico, vogliono il week-end libero, e grazie a mamma e papà non hanno così fretta di trovarsi un'occupazione. Non c'è nulla di male, semplicemente i tempi sono cambiati.

    Rispondi

  • alberto

    2018/03/08 - 09:09

    Non ci credo nemmeno io. Troppo facile dire offro lavoro, non viene nessuno e puntare il dito sui giovani che non hanno voglia di lavorare. Dite anche a quali condizioni offrono lavoro e poi se ne parla. Le mezze informazioni non servono a nulla.

    Rispondi

    • Alessandro

      2018/03/08 - 11:11

      Le condizioni sono che si lavora sopratutto nel week-end e la sera. E se anche dessero degli spiccioli, per CHI HA BISOGNO DI LAVORARE, per chi è DISOCCUPATO, non penso che facciano schifo. Mio suocero ha cercato per tanti anni qualche fornaio, ma alla scoperta del lavoro notturno apriti cielo. Avanti Italia

      Rispondi

  • roberto

    2018/03/08 - 08:08

    io non ci credo....dipende dalle condizioni... alla fine assumera' un immigrato che si accontenta come al solito, e diranno che gli italiani non vogliono lavorare ....

    Rispondi

    • Alessandro

      2018/03/08 - 09:09

      Se uno HA BISOGNO DI LAVORARE si accontenta e basta. Le condizioni sono sicuramente meglio di chi uno è a casa.

      Rispondi

      • graziano

        2018/03/10 - 12:12

        ci si accontenta forse nel Congo Belga,come diceva Toto',ma non è giusto essere sfruttati.Vorrei vedere te,che parli tanto.

        Rispondi

        • Alessandro

          2018/03/13 - 12:12

          Ho fatto per due anni e mezzo, ripeto due anni e mezzo, 8 ore al giorno per 5 giorni a settimana di praticantato dove mi venivano rimborsati i soldi per la benzina, quando all'epoca non esistevan Jobs Act ed altre menate varie. I 200 euro al mese erano sicuramente di più rispetto a 0, però in attesa di altro lavoro più redditizio mi andavano BENISSIMO. Stare a casa invece e sfruttare i genitori?

          Rispondi

Mostra più commenti