il network

Giovedì 18 Ottobre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA. SCUOLA

‘Rivoluzione’ alle superiori. Accordo bipartisan per il Cremasco

La bozza dovrà essere votata in Provincia entro il 30 ottobre, ma centrodestra e centrosinistra la condividono. Il Pacioli perderebbe i geometri a favore del Munari, via il ‘tecnologico’ dal Galilei per creare un nuovo liceo

‘Rivoluzione’ alle superiori. Accordo bipartisan per il Cremasco

CREMA - Centrodestra e centrosinistra uniti per trovare un assetto definitivo alle scuole superiori del Cremasco, partendo dalla proposta che Virgilio Uberti (vicesindaco di Palazzo Pignano) aveva sottoposto lo scorso mese di giugno al consiglio provinciale, del quale è membro.

L’accordo bipartisan trovato viene confermato da Andrea Agazzi, consigliere comunale cittadino della Lega, ma anche da Attilio Galmozzi, assessore all’Istruzione. La bozza Uberti prevede una vera rivoluzione. I cambiamenti riguarderanno tutti gli istituti superiori. Il punto di partenza del progetto è la divisione tra l’ambito di Crema e quello di Cremona e tra licei, istituti tecnici e professionali con suddivisione dell’istruzione in sette istituti. Il primo sarebbe il liceo Racchetti, con gli indirizzi classico, linguistico e delle scienze umane, con circa 1.160 studenti. Il secondo sarebbe lo Sraffa, che perderebbe il corso di ristorazione e scenderebbe a 723 studenti, ai quali andrebbero aggiunti quelli del corso serale. L’istituto Galilei perderebbe il liceo tecnologico e scenderebbe con il solo corso tecnico a 1.307 studenti. Un po’ di cura dimagrante la farebbe il Pacioli, che perderebbe geometri e liceo sportivo e si ridurrebbe a 1.293 iscritti. Il corso per geometri verrebbe acquisito dal Munari che, unendolo al grafico e al liceo artistico, avrebbe 741 studenti. L’ipotesi di Uberti prevede quindi che il liceo delle scienze umane, appena assegnato al Munari nell’ultimo Piano di dimensionamento, torni al mittente, vale a dire al Racchetti. La prima novità sarebbe il Polo scientifico liceale, che raggrupperebbe il Da Vinci al liceo delle scienze applicate (oggi in capo al Galilei) e al liceo sportivo (oggi al Pacioli). Totale, 1.287 studenti.

La seconda novita sarebbe invece costituita dal nuovo Polo agroalimentare e della ristorazione, che comprenderebbe le due sedi di Crema e Pandino dell’agrario Stanga, il Marazzi e il corso enogastronomico dello Sraffa, per un totale di 816 allievi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

17 Agosto 2018