il network

Venerdì 16 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


LA STORIA

'Le mie foto per raccontare le donne-soldato in Siria'

La fotoreporter cremasca Arianna Pagani premiata al concorso Giornalisti Mediterraneo, la 30enne ha vissuto accanto alle tiratrici scelte durante la liberazione di Raqqa dall'Isis

'Le mie foto per raccontare le donne-soldato in Siria'

Sara Manisera e Arianna Pagani

CREMA - Gli occhi di Arianna sulla guerra per raccontarne, attraverso la macchina fotografica, paure e contraddizioni, storie di vittime e carnefici, in luoghi di trincea in cui spesso i ruoli si confondono. Arianna Pagani, 30enne fotoreporter cremasca, è stata premiata nei giorni scorsi al concorso ‘Giornalisti del Mediterraneo’, nella sezione Immigrazione e Terrorismo internazionale, con la collega cronista milanese Sara Manisera. A colpire, il loro reportage 'Raqqa-Le donne cecchino che terrorizzano l’Isis', realizzato in Siria nel corso del 2017. «Sì, abbiamo lavorato a Raqqa nei mesi in cui la città è stata liberata per mano dei curdi — racconta Arianna —: nel corso dell’offensiva, ragazze molto giovani sono state reclutate in un reparto speciale, con il preciso ruolo di tiratrici scelte, di cecchini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

17 Ottobre 2018