il network

Venerdì 14 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA. CAOS TRENI

Incubo infinito, diretto con 95 minuti di ritardo

Surreale disavventura dei passeggeri del 10458 per Milano delle 7,20 da Crema. Passeggeri costretti a scendere per salire sul convoglio successivo

Incubo infinito, diretto con 95 minuti di ritardo

CREMA - «Una cosa del genere non si era mai vista: costretti a scendere dal diretto per Milano, in quanto aveva ormai troppo ritardo, fatti salire a bordo del convoglio successivo, ma poi obbligati a tornare sul primo treno, che sarebbe comunque ripartito». Questa la situazione al limite del surreale che hanno vissuto martedì 20 novembre decine di pendolari della linea ferroviaria Cremona-Crema-Treviglio-Milano. Erano a bordo del 10458, atteso a Crema alle 7,20. Il convoglio – come hanno spiegato alcuni viaggiatori che si trovavano a bordo – ha cominciato ad accusare problemi, come fossero cali di tensione, nel tragitto tra Soresina e Castelleone. Nella stazione è poi rimasto fermo a lungo, praticamente ci ha raggiunti il 10462, partito da Cremona oltre mezz’ora dopo. A quel punto ci hanno fatto scendere per salire sul secondo convoglio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

20 Novembre 2018

Commenti all'articolo

  • FABRIZIO

    2018/11/21 - 07:07

    io non ho ancora capito una cosa: ma invece di continuare a lamentarvi, voi pendolari (io non ho mai preso un treno ma vi posso capire) e che palesemente subìte soprusi QUOTIDIANAMENTE, perchè non vi mettete sui TRENI, si spera finalmente funzionante 1 volta, in 5.000/10.000 e andate a roma al governo, ma NON a parlare bensi a prenderli FISICAMENTE a sberloni? poi vedrete che tutto magicamente si sistema...e' ora che la finiamo di essere politicamente corretti e gentili.....questi sono i risultati. è giunta l'ora che cominciamo a prendere CHI CREA UN DISSERVIZIO ( sia i dirigenti che i subordinati, non cambia), a sonori sberloni e non a paroline dolci e gentili, e vedrete che tutto funzionerà perfettamente. e questo vale non certo solo per i treni ma per tutto quello che non funziona, in generale. se avete bisogno, io son qui. buona giornata Fabrizio

    Rispondi