il network

Domenica 26 Maggio 2019

Altre notizie da questa sezione

in corso:

Blog


VAILATE

«Il bibliotecario resti», partita la petizione popolare

Raffaele Grasselli ha lasciato dopo anni di servizio a causa del cambio di gestione. Ma ora, dopo la mobilitazione dei residenti, si apre uno spiraglio per un suo ritorno

«Il bibliotecario resti», partita la petizione popolare

Raffaele Grasselli

VAILATE (14 maggio 2019) - Si apre uno spiraglio per il ritorno di Raffaele Grasselli a Vailate. È partita una raccolta di firme, promossa da alcuni utenti, per chiedere il reintegro del bibliotecario nel posto che occupava da oltre dieci anni presso la biblioteca comunale. Grasselli, amatissimo dai vailatesi, ha lasciato questo incarico ad inizio maggio: la cooperativa per cui lavora, la Charta di Mantova, non ha rivinto la gara d’appalto per l’assegnazione della gestione del servizio e, nonostante il capitolato prevedesse il mantenimento del personale in caso di avvicendamento fra vecchio ed eventuale nuovo gestore, non ci sono state le condizioni perché il trentanovenne cremasco accettasse di rimanere a Vailate. Si può firmare in alcuni esercizi commerciali del paese e su internet ed anche la lista civica TrasforMazione del candidato sindaco Antonio Maffioli ha aderito all’iniziativa. Le firme saranno poi portate all’amministrazione comunale. Sul modulo di raccolta è spiegata la motivazione di questa mobilitazione. 
Dal Comune aprono al tentativo di trovare una soluzione. «L’amministrazione comunale farà ogni sforzo – afferma il sindaco Paolo Palladini - per fissare un incontro fra il nuovo gestore e Grasselli. Ovviamente serve la massima collaborazione di tutte le controparti. Dal nostro punto di vista Raffaele doveva rimanere, come era chiaramente previsto dal bando».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

13 Maggio 2019