il network

Domenica 25 Febbraio 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Crema. Sale la protesta dei pendolari

Pullman, da lunedì otto bus in meno sulla Crema Lodi

I viaggiatori denunciano la scarsa informazione. Il dg di Line: "Col nuovo contratto abbiamo meno fondi"

Un bus della Line spa
Da lunedì saranno soppresse quattro corse del mattino e altrettante il pomeriggi-sera della linea di pullman Crema-Lodi gestita dalla Line spa. I pendolari non ci stanno e protestanoi. "Da lunedì — segnala una pendolare  — la tratta extraurbana che collega le due città, molto utilizzata nelle ore del primo mattino dai lavoratori e dagli studenti delle scuole superiori, subirà pesanti tagli al numero di corse". E il nuovo orario non sarebbe stato comunicato in tempo utile agli utenti. "E’ on-line sul sito della società solo da due giorni e alle pensiline delle fermate mancano gli avvisi, così come sui pullman — spiega la viaggiatrice —. Io stessa sono venuta a conoscenza della cosa solo tramite il passaparola". In totale le corse in via di soppressione sarebbero otto, quattro al mattino e altrettante nel tardo pomeridiano e in serata. Inoltre, nel mese di agosto, sparirebbe quasi del tutto il servizio tra la città e i comuni cremaschi che si trovano lungo la direttrice per Lodi. Dalla Line arriva la conferma della riorganizzazione delle corse, dovuta al nuovo contratto del trasporto pubblico locale siglato tra la Provincia di Cremona e le società di autolinee che operano sul territorio. "Abbiamo agito, riorganizzando il servizio secondo i parametri del nuovo capitolato d’appalto — chiarisce il direttore generale di Line Sergio Resconi —. Un contratto che mette a disposizioni meno fondi del passato per l’organizzazione del trasporto pubblico. In quanto all’informazione, a me risulta che i nuovi orari siano on-line da oltre una settimana. Come azienda abbiamo sempre tenuto conto delle necessità degli utenti, compatibilmente con le nostre risorse. Ma siamo comunque pronti a verificare segnalazioni e proposte anche in questa occasione".

13 Aprile 2013