il network

Domenica 24 Giugno 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Crema. Polemica sul pulmino a chiamata

Il consigliere Arpini: 'Il Miobus è un flop'

L'assessore Schiavini replica: "Il sistema funziona, anche se si può migliorare"

Il servizio Miobus è sotto accusa
Tino Arpini, consigliere di minoranza di 'Solo cose buone per Crema', denuncia i difetti del servizio Miobus: "Non funziona, prenotare una corsa è complicato, i pulmini girano a vuoto e l’introduzione di questo sistema cittadino a chiamata ha, di fatto, isolato interi quartieri, a partire da Ombriano. I cittadini che abitano le popolose periferie della nostra città si trovano senza collegamenti con il centro. Soprattutto gli anziani. Quindi l’esigenza di spostarsi sarebbe forte ma per quell’ampia fascia di cittadinanza non è rimasta che l’opzione di elemosinare un passaggio, o rinunciare. Il servizio a chiamata, mi dicono, comporta lunghe e spesso inutili attese telefoniche per prenotare una corsa, oggi per domani, ad orari prestabiliti di andata e di ritorno".  Per Schiavini la situazione non è affatto così drammatica: "Il sistema funziona — commenta l’assessore —. Certo, le lamentele ce ne sono ed è altrettanto vero che ci possono essere dei miglioramenti. Lavoriamo in questa direzione da tempo, come si evince dai nuovi collegamenti dall’ospedale con la città, e dal servizio tra la stazione ferroviaria, l’università e la sede Inps dell’ex Olivetti. Tra l’altro, in questi casi, si tratta di corse ad orari prestabiliti e non a chiamata. Tornare alla vecchia corrierina non mi sembra la soluzione. I Miobus — sono tra l’altro in arrivo due nuovi mezzi — sono pensati per evitare il girovagare di mezzi vuoti, puntando su un servizio a chiamata ecologico (i pulmini viaggiano a metano) che risponda alle moderne esigenze del trasporto pubblico cittadino".

18 Maggio 2013