il network

Lunedì 23 Aprile 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Dall'Ospedale confermano: "Prassi decisa dalla Regione"

Ricoverata, ecco quanto ci costi

Nella lettera di dimissioni le cifre degli esami. Una donna protesta: "La mia vita vale 10.000 euro?"

L'ospedale maggiore di Crema

Alle difficoltà invalidanti della malattia si aggiunge l’amarezza di scoprire, dopo un mese di ricovero in pneumologia, che gli esami necessari per cercare di curare il suo male, costano al servizio sanitario nazionale 10mila euro. “Cosa vuol dire! Che la mia vita vale 10mila euro?” Si è chiesta una signora 76enne di Madignano, leggendo l’allegato alla lettera di dimissioni che le è stata consegnata nei giorni scorsi. “Vedere riportata la cifra le ha fatto molto male — ha aggiunto un parente —. E’ già difficile affrontare una tale malattia, a cosa serve sapere anche quanto spende l’ospedale per sottoporla agli esami necessari per cercare di tutelare la sua salute?”

Nessun errore nella consegna del documento, precisano dall’ospedale. E’ la burocrazia in vigore in tutta la Lombardia. Sull’opportunità di una comunicazione di questo tipo il dibattito è aperto. “Da poco più di un anno questa è la prassi - spiega Luigi Ablondi, direttore generale dell’Azienda ospedaliera -. Ci sono precise disposizioni della Regione che prevedono che, in allegato alla lettera di dimissioni del paziente, ci sia anche uno scritto che evidenzia quanto sono costati al sistema sanitario gli esami che ha sostenuto durante il ricovero”.

22 Maggio 2013