il network

Giovedì 18 Ottobre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Crema. Si cercano campi disponibili nei paesi del circondario

Campi da calcio cercansi
Troppe squadre, è emergenza

Il Comune sta raccogliendo le richieste di utilizzo dei rettangoli verdi, che però sono insufficienti per soddisfarle tutte

Il campo dei Sabbioni
Si allargano gli spazi nelle palestre, si restringono quelli nei cinque campi di calcio. Il risultato dell’andamento a fisarmonica è che più di una squadra calcistica della città ha già la valigia in mano. Senza posto a Crema, occorre emigrare altrove e saranno in molti a doverlo fare, visto che il Comune sta cercando quattro campi ... fuori dalle mura. L’Ufficio Sport diretto da Vittorio Vantadori sta raccogliendo le richieste di utilizzo di impianti sportivi da parte delle società cittadine per la stagione 2013-14. Il Comune sarà costretto a prendere in affitto impianti privati o di proprietà di altri enti pubblici per soddisfare il fabbisogno dei club cittadini. Soddisfare almeno parzialmente, visto che alle richieste di maggiori spazi avanzate dal Csi e dal settore giovanile della Pergolettese è già stato risposto picche. Il due di picche, del resto, lo ha già dato anche il Comune di Izano a quello di Crema, dicendo no al rinnovo dell’accordo che era in atto nella passata stagione e aprendo quindi un altro problema. Fortunatamente, sono già stati chiusi gli accordi con il centro giovanile San Luigi di via Bottesini e con i comuni di Chieve e di Cremosano per l’utilizzo dei rispettivi rettangoli di gioco per le gare di campionato di alcune squadre di Crema. Il quarto campo dovrà essere reperito a breve, visto che di tornare ad utilizzare quello situato all’interno del velodromo proprio non se ne parla, considerata la mancata disponibilità di Coni Servizi, proprietaria dell’impianto, di intavolare un discorso. Una soluzione potrebbe essere quella di Fiesco, ma per il momento si tratta soltanto di un’ipotesi, ancora da verificare. Un campo per le proprie squadre giovanili lo sta cercando anche la Pergolettese, che non potrà più disporre di quello di Pizzighettone, dove fino a giugno si sono allenati Allievi e Giovanissimi. Gli impianti nel Cremasco non mancano, ma chi li ha si guarda bene dall’affittarli in maniera continuativa. C’è riuscito l’Ac Crema, che ha stretto un accordo con Romanengo per utilizzare il centro sportivo, il cui campo però è in erba artificiale. La spesa che il Comune dovrà affrontare per affittare i quattro campi esterni è tutto sommato contenuta, nell’ordine di 10-15mila euro.

02 Agosto 2013