il network

Lunedì 23 Aprile 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Cremasco. I disagi tra le 6.30 e le 7 del mattina

I pendolari ad Autoguidovie: riorganizzate gli orari

Di mattina mezzi troppo affollati per San Donato

I bus di linea di Adda Trasporti

Bus diretti Crema-Milano, nuovi pullman tecnologici euro 6, nuovi orari, ma le criticità rimangono. I viaggiatori cremaschi che utilizzano le corse via Lodi e autostrada A1 o via Paullese, senza fermate intermedie tra la città e il capolinea di San Donato, hanno inoltrato nei giorni scorsi una lettera ad Autoguidovie per chiedere una serie di aggiustamenti alle corse del mattino: “I nuovi mezzi da 14 metri sono confortevoli e molto moderni - commenta Stefano Begotti, rappresentante del comitato che raggruppa gli utenti -. Ho già avuto modo di viaggiare su uno di questi pullman. Devo però rimarcare che in questi primi giorni dell’orario invernale rimangano problemi di affollamento eccessivo su alcune corse. Nella fascia tra le 6,30 e le 7 del mattino, quella più utilizzata da chi si reca a Milano, ci sono addirittura troppi bus per i lavoratori dell’Eni di San Donato, a fronte di pochi mezzi per chi, invece, deve raggiungere il capolinea in corrispondenza della stazione della metropolitana milanese. I viaggiatori che utilizzano queste ultime corse, infatti, non possono salire su quelle che si fermano agli uffici Eni, in quanto sarebbero costretti ad una lunga camminata per prendere il metrò. Il risultato è che i pullman della prima linea viaggiano mezzi vuoti, mentre quelli dell’altra tratta sono spesso sovraffollati è c’è chi resta a piedi”.

Tutte considerazioni che i pendolari hanno girato alla società di autotrasporti. “Per questa ragione abbiamo proposto ad Autoguidovie di organizzare una corsa in più, dopo le 7 del mattino, per chi deve arrivare al capolinea della metro a San Donato. In questo modo credo si potrebbe rimediare al disservizio che si sta verificando in questi giorni. Ovviamente senza che questa soluzione vada a discapito dei lavoratori dell’Eni che avrebbero comunque un numero di corse sufficienti per le loro esigenze di trasporto”.

16 Settembre 2013