il network

Martedì 25 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Santa Maria, quartiere vittima del degrado

Cresce l'allarme sociale per la sporcizia, i vestiti abbandonati nei servizi igienici pubblici e le zone dormitorio di senza fissa dimora

Ecco come è ridotta l'area dell'ex Ferriera
Il quartiere di Santa Maria è sempre più vittima del degrado. Alle aree dismesse della Ferriera, della ex Everest e della ex Baldini, sempre più rifugio di sbandati, e della Pierina, che avrebbe dovuto essere un polmone verde e un centro ricreativo e che invece oggi è una giungla impenetrabile, si è aggiunto un episodio che conferma come ormai la situazione a nord della città rischi di andare fuori controllo. I servizi igienici pubblici posti sul viale Santa Maria, a poca distanza dalla basilica meta di turisti, sono intasati da vestiti abbandonati. Succede che l’apposito cassonetto adiacente alle toilettes, nel quale i cittadini ripongono i loro abiti usati, viene puntualmente saccheggiato. I servizi sono utilizzati come camerini e i capi di vestiario non ritenuti utili vengono abbandonati nelle turche rendendole inutilizzabili. A confermare quanto la situazione sia ormai critica è l’ex assessore comunale Luciano Capetti. "Quella del saccheggio e dell’abbandono dei vestiti non è una novità e non riguarda solo Santa Maria; episodi di questo genere si verificano spesso e ovunque ci siano questi raccoglitori. La particolarità, nel nostro caso, è quella che si utilizzano i servizi pubblici come spogliatoio e poi si lasciano dentro i vestiti che non vanno bene. In tempi di crisi economica, purtroppo, il fenomeno si acuisce". Questo non è l’unico episodio di degrado del quartiere. "Nell’area dismessa ex Everest, dietro via Mulini — spiega Capetti — da tempo ormai si utilizzano i capannoni vuoti come ricovero da parte di extracomunitari. E’ un ricettacolo di gente senza fissa dimora, che ha occupato abusivamente questi spazi. Tutto ciò contribuisce a creare degrado e preoccupazione nel quartiere e nei suoi abitanti. Il fatto che tutto avvenga a un centinaio di metri dalla splendida basilica è deprimente". 

Approfondimenti sull'edizione cartacea del quotidiano 'La Provincia' in edicola domenica 10 novembre 2013

09 Novembre 2013

Commenti all'articolo

  • Corrado

    2013/11/10 - 12:12

    Tanto tempo fa era l'Impero Romano che difendeva il Nostro paese dalle invasioni barbariche......ora stiamo consegnando il "Belpaese" ai "nuovi barbari"......

    Rispondi