il network

Sabato 23 Marzo 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


Crema. L'adozione è caldeggiata da Sinistra Ecologia Libertà

Registro delle unioni civili
Zanibelli: "Non compete al Comune"

In vista della discussione in consiglio comunale, il Nuovo Centrodestra si dice contrario all'elenco per le coppie di fatto

Piazza Duomo
Ancora deve arrivare in consiglio comunale che già fa discutere. Nel dibattito politico entra di peso il registro delle unioni civili, documento di cui il Comune potrebbe dotarsi per riconoscere le cosiddette coppie di fatto, ossia quelle coppie - siano esse eterosessuali o omosessuali - composte da due persone maggiorenni legate da vincolo affettivo, aventi uguale dimora, ma non sposate. L'introduzione del registro era stata caldeggiata già la scorsa primavera da Sinistra Ecologia Libertà. Collaborò attivamente anche il Movimento 5 Stelle. Poi il discorso si arenò: la proposta di adozione, messa all'ordine del giorno del consiglio comunale, è slittata di seduta in seduta, trascinandosi fino ad oggi. “E' uno strano silenzio - commenta Laura Zanibelli, consigliere del Nuovo Centrodestra -: forse non se ne parla perchè non era previsto nel programma dell’amministrazione Bonaldi? Perché non è condiviso da tutta la maggioranza? Perché si teme che l'argomento non sia ritenuto prioritario dai cittadini?”. Zanibelli esprime quindi la sua contrarietà all'iniziativa, non ritenendola di competenza comunale: “Sembra un tentativo per far passare non tanto un diritto a livello amministrativo ma un passaggio culturale rivolto a ben altre istituzioni”. Infine il sospetto: “Uno degli obiettivi della proposta sta nel riconoscimento anche delle unioni civili tra persone dello stesso sesso: 'forse' è questo il vero obiettivo? L’ennesimo tentativo per equiparare tale unioni alle famiglie, per aprire la strada ad altri percorsi ancora una volta non di competenza comunale?”.

10 Gennaio 2014