il network

Domenica 17 Febbraio 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


SCIOPERO DEI PULLMAN

Adesione record: 98%, migliaia di studenti e lavoratori a piedi

Nel pomeriggio corse garantite solo dalle 15 alle 18, fermi i mezzi di Autoguidovie

In mancanza dei bus, i pensano mamme e papà in auto
Adesione record allo sciopero dei pullman iniziato stanotte alle 24.Il 98% del personale cremasco di Autoguidovie non sta lavorando. Si sono fermati anche gli addetti alle officine. Sono 120 gli autisti che hanno incrociato le braccia. Disagi pesanti per le centinaia di pendolari e per i tremila studenti del Cremasco, Milanese, Lodigiano e Bergamasco che utilizzano ogni giorno i pullman di Agi. Oggi alle 13, nelle abituali aree di fermata dei bus, centinaia di ragazzi delle superiori sono rimasti a piedi. In strada solo qualche pullman delle altre aziende che operano sul territorio. Molti hanno chiamato i genitori per un passaggio in auto. L'astensione dal lavoro prosegue sino alla mezzanotte e interessa anche i 420 autisti dell’area Sud milanese e della Brianza. Nel pomeriggio il servizio dei pullman di linea è stato garantito solo dalle 15 alle 18.

13 Gennaio 2014

Commenti all'articolo

  • Arcangela

    2014/01/15 - 12:12

    Se non si metteranno autisti e azienda al cospetto di una qualsiasi forma di concorrenza, non avremmo che questo: autisti (non tutti!) maleducati e scortesi, azienda impresentabile, servizio vergognoso. Comunque almeno gli avvisi circa lo sciopero alle fermate principali potevano essere messi. Era un lavoro banale che anche quelli di Autoguidovie potevano arrivare a fare... o no?

    Rispondi

  • ernesto

    2014/01/14 - 11:11

    Infatti tanto l'Azienda che teme i portoghesi...? Ha già incassato gli abbonamenti in anticipo e non si è nemmeno degnata di affiggere alle fermate gli avvisi per lo sciopero mentre l'Amministrazione Provinciale stà a guardare...

    Rispondi

  • PFG

    2014/01/14 - 08:08

    Non penso che Bianchessi & co. abbiano dormito male la notte per questo. 'Sti scioperi mi paiono più contro gli utenti che contro l'azienda...

    Rispondi