il network

Sabato 23 Marzo 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


PANDINO

Le bancarelle ostacolano il funerale,
indignazione di parenti e amici

Il corteo non può arrivare davanti alla chiesa parrocchiale per la presenza dei banchi autorizzati dal Comune

Il corteo funebre deve fermarsi sull'angolo del sagrato, i banchi occupano il fronte della parrocchiale
PANDINO — La questione si trascina da quasi quattro anni, ma ieri è riesplosa anche per l'intervento di molti non pandinesi al funerale di Paolo Bergamaschi, storico magazzinieri del Pergocrema, deceduto a 63 anni. Incredulità e proteste per il «mancato rispetto dei defunti», per la presenza di fronte al sagrato della chiesa parrocchiale di Santa Margherita, delle bancarelle di frutta e verdura del mercato. Oggi pomeriggio le centinaia di persone che hanno partecipato alla funzione funebre hanno toccato con mano la difficile situazione che si crea in via Umberto I, ogni volta che c'è un funerale in concomitanza con l’appuntamento commerciale che anima il centro storico del borgo il sabato pomeriggio. Bergamaschi era conosciuto in tutto il Cremasco per il suo impegno nel mondo del calcio. Negli ultimi anni era stato anche responsabile degli allenatori dei portieri della società gialloblu. Al funerale sono arrivati dirigenti, atleti e tifosi di diverse società di calcio del territorio. Per la stragrande maggioranza dei presenti trovarsi la strada verso la chiesa sbarrata dalle bancarelle è stato uno ‘choc’. Il nutrito corteo si è dovuto fermare sull’angolo del sagrato, in quanto il fronte della scalinata era occupato, come ogni sabato, dagli ambulanti. Il parroco don Cesare Nisoli ha atteso il feretro in piedi sull’angolo del sagrato. Per nulla facile per i familiari, già provati dal dolore per la perdita del loro caro, affrontare una situazione simile. Da tempo, i funerali al sabato pomeriggio nel borgo, proprio per la concomitanza con il mercato, sono quasi del tutto sospesi. Stesso discorso per i matrimoni. La polemica a livello politico e il duro confronto tra la commissione parrocchiale e l’amministrazione comunale, hanno tenuto banco nelle ultime settimane. La situazione è in una fase di stallo. Da una parte il Comune sostiene l’accordo per l’attuale collocazione del mercato siglato anni fa da tutti gli attori protagonisti, con investimenti per sistemare prese elettriche e altre attrezzature. Secondo l’amministrazione, è complicato tornare indietro. Dall’altra la parrocchia, le opposizioni e molti fedeli pandinesi, che si lamentano per l’evidente mancanza di decoro e vorrebbero che i banchi venissero almeno spostati dall’altra parte di via Umberto I.

01 Febbraio 2014