il network

Martedì 19 Marzo 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Droga ai giardini di Porta Serio 
'Spacciatori arrivano da Milano'

Il capitano dei carabinieri Savino conferma il traffico di hascisc e cocaina, l'ex assessore Capetti striglia il Comune: "Parco da rivitalizzare"

I giardini di Porta Serio
«Questa è terra di nessuno». A lanciare il grido d’allarme sui giardini di Porta Serio è Luciano Capetti. L’ex assessore ai Servizi sociali punta il dito su un problema che l’attuale amministrazione ha cercato di risolvere rivitalizzando l’area verde, così da strapparla agli spacciatori e agli sbandati e restituirla alle famiglie. Il primo passo, l’estate scorsa, è stato il via libera all’apertura di un chiringuito nel cuore del parco. Ma il punto di ristoro è aperto sono nella bella stagione. «E quest’area — sottolinea Capetti — andrebbe rivitalizzata tutto l’anno». Dal comando della Compagnia dei carabinieri, il capitano Antonio Savino non fa mistero della situazionei: «Gli spacciatori arrivano da Milano — spiega — con poche dosi. I giardini spesso sono il punto d’incontro, ma non per la cessione degli stupefacenti». Gli specialisti del nucleo operativo, ma anche i colleghi del radiomobile e della stazione cittadina, recentemente hanno infatti condotto massicce operazioni antidroga nell’area verde. Il perimetro, inoltre, è costantemente sorvegliato dalle telecamere del servizio di videosorveglianza comunale, in grado di riversare le immagini in tempo reale sia alla caserma di via Macallè, sia al commissariato di polizia, oltre che al comando dei vigili. Savino, forte degli arresti eseguiti dai suoi carabinieri in quella zona, spiega che lo spaccio a Porta Serio si concentra soprattutto sull’hascisc, sebbene non manchi anche la cocaina. «Qualche preoccupazione — confida Capetti - ce l’ho anch’io quando passo: c’è gente che bivacca tutto il giorno; nella gran parte si tratta di stranieri». E dal comando dei carabinieri ammettono che lo smercio delle dosi nel parco, basandosi sull’esito delle più recenti indagini, è in gran parte gestito da nordafricani.

16 Marzo 2014