il network

Lunedì 22 Aprile 2019

Altre notizie da questa sezione


PALAZZO PIGNANO

"Abbiano troppo", "Non è vero"
Esplode la guerra dei cani

Lettere in municipio per denunciare l'eccessivo rumore causato dagli animali, il Comune si appella all'Arpa

"Abbiano troppo", "Non è vero"
Esplode la guerra dei cani
PALAZZO PIGNANO — La guerra dei cani. Per qualcuno abbaiano troppo, per altri non disturbano affatto. Tema tanto caro da essere supportato da due raccolte di firme, pro e contro, ma anche oggetto di una serie di lettere indirizzate al Comune e al sindaco Rosolino Bertoni. Pomo della discordia un caseggiato in via De Nicola, dove il padrone di casa tiene custoditi in una ‘cuccia’ recintata con la rete, due cani. Insomma, per qualcuno due anni di latrati bastano e avanzano per prendere provvedimenti: «Non si può essere prigionieri di un cane, a sua volta prigioniero». In realtà ci sono anche lettere, che ‘attestano’ che gli animali non sono rumorosi. «Di opinioni in merito — commenta il sindaco Bertoni — io ho tentato di farmene. Sono andato sul posto: i cani è vero che abbaiano, ma quando ci si avvicina, il ché mi sembra abbastanza normale. Semmai va valutato se davvero rendano invivibile il quartiere. Controlli sono stati eseguiti e mai sono state elevate sanzioni. La polizia locale ha intimato al proprietario di adeguare le strutture al benessere animale, ma dai sopralluoghi dell’Asl la gabbia risulta abbastanza grande e non ci sarebbe alcuna violazione». Il Comune intende comunque non sorvolare sulla questione. «Abbiamo gli strumenti del piano di governo del territorio, con il piano di zonizzazione acustica — dice Bertoni —: via De Nicola è in classe 2, zona residenziale, che significa una tolleranza diurna di 50 decibel e notturna di 40. Chiederemo l’intervento di Arpa per valutare se i limiti sono rispettati».

28 Marzo 2014