il network

Lunedì 20 Maggio 2019

Altre notizie da questa sezione

in corso:


CREMA

Processo Iori, in appello chiesta la conferma dell'ergastolo

La sentenza di secondo grado il 6 giugno

Processo Iori, in appello chiesta la conferma dell'ergastolo

CREMA - E', per ora, l'ultimo atto del processo d'appello a Maurizio Iori. Il procuratore generale Domenico Chiaro ha chiesto la conferma della sentenza emessa in primo grado: l'ergastolo per l'ex primario di oculistica dell'ospedale Maggiore di Crema.

Il processo d'appello di Iori è iniziato la mattina di venerdì 9 maggio 2014 a Brescia. Il primo passo in mattinata è stato quando la Corte ha respinto la richiesta di rinnovazione del processo, respingendo quindi la richiesta di esame dell'imputato. Iori non si era fatto esaminare nel processo di primo grado di giudizio. Potrà sempre rilasciare dichiarazioni spontanee. Respinta anche la richiesta dei due nuovi testimoni indicati dalla difesa. La Corte ha accolto invece la richiesta del procuratore generale relativa a un'intecettazione telefonica.

Le parti civili, che hanno già parlato in parte oggi, proseguiranno il 21 maggio minsieme alla difesa, mentre la replica e la senteza di secondo grado arriverà il 6 giugno.

L'ex primario è stato condannato all'ergastolo per il duplice omicidio di Claudia Ornesi e della figlioletta Livia, trovate morte nel loro appartamento la mattina del 20 luglio 2011.

09 Maggio 2014