il network

Martedì 21 Maggio 2019

Altre notizie da questa sezione

in corso:


OFFANENGO

Chiedono indicazioni stradali e derubano i passanti

Quattro romeni sono stati denunciati, colpi in mezza Italia, da alcuni giorni la banda era in azione in provincia di Cremona

Chiedono indicazioni stradali e derubano i passanti

OFFANENGO - Avvicinavano gli anziani con la scusa di chiedere un'indicazione stradale, proponevano la prova di monili in simil oro e, approfittando di un attimo di distrazione, strappavano i gioielli alle vittime. Quattro cittadini romeni di etnia rom sono finiti nei guai in seguito ad un controllo dei carabinieri lungo la SS 235, la strada che collega Crema a Brescia passando per Orzinuovi.

I carabinieri, nella mattinata di sabato 12 luglio, hanno fermato una Mercedes SW con tarda tedesca di colore grigio metallizzato con a bordo i quattro romeni (due uomini e due donne con capelli lunghi di età compresa tra i 22 e i 44 anni) che era stata notata poco prima aggirarsi con fare sospetto nelle zone residenziali di alcuni comuni del cremasco. La vettura, intestata ad una connazionale dei quattro residente a Brema (Germania), era stata segnalata dai carabinieri di Signa (Firenze) per ché utilizzata per commettere furti. 

I militari cremaschi hanno perquisito stranieri e veicolo e sono spuntate imitazioni di gioielli in oro (anelli e collane), due paia di orecchini in oro giallo e un ciondolo con un'immagine religiosa nascosto nel portacenere dell'auto. Tutto il materiale è stato sequestrato e le verifiche dei militari toscani hanno permesso di stabilire che gli oggetti erano riconducibili ad un furto commesso a Calenzano (Firenze) il 9 luglio. In quell'occasione  una pensionata era stata avvicinata e derubata. 

Uno stratagemma consolidato: approccio alle vittime con la scusa di un'indicazione stradale, proposta di prova di uno degli oggetti in simil oro con lo scopo di distrarre le vittime per strappare o sfilare preziosi in loro possesso. Furti messi a segno nelll’ultima decade di giugno in Veneto, Trentino Alto Adige ed Emilia Romagna, utilizzando anche un'altra autovettura.

Soltanto pochi giorni fa, un episodio similie è stato segnalato da alcuni anziani di Cremona, avvicinati da sconosciuti che proponevano oro fasullo tra le vie Giuseppina e Belgiardino.

Se qualcuno, leggendo questo articolo, dovesse rinoscere l'auto, i malviventi o la modalità di approccio, può mettersi in contatto con i carabinieri di Crema per ottenere informazioni ed eventualmente visionare gli oggetti sequestrati.


© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

 

15 Luglio 2014

Commenti all'articolo

  • Stefano

    2014/07/15 - 09:09

    Se fossero stati installati e funzionanti, li avrebbero beccati ancora prima che commettessero reati, dato che la targa compariva nelle "black lilst", ma la poca lungimiranza di qualche sindaco per niente illuminato, qualche anno fa si è rifiutato di portare avanti il progetto preferendo "monetizzare" gli utili di SCRP, salvo poi riempirsi la bocca con la parola "sicurezza". Ora più che mai si rende necessario riprendere in mano il progetto e portarlo a compimento.

    Rispondi

  • They

    2014/07/14 - 23:11

    Etnia rom praticamente zingari denunciati e mai puniti. Spagaghe gli oss.

    Rispondi