il network

Sabato 23 Febbraio 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


RIVOLTA D'ADDA

Il Piedibus rischia di sparire

Troppo pochi volontari, i nonni non bastano più

Il Piedibus rischia di sparire

L'assessore Angelo Cirtoli

RIVOLTA D’ADDA — L’estate scorsa si parlava di ridimensionamento, come poi effettivamente è stato, adesso il rischio è la definitiva scomparsa del Piedibus per i bambini delle elementari, un servizio da sempre molto apprezzato dagli alunni che vanno e tornano da scuola tutte le mattine a piedi e in compagnia. Il problema è sempre quello del 2013: i volontari diminuiscono e senza chi accompagni i bambini, il piedibus non si può fare. Nel 2013 vennero soppresse due linee. Ne sopravvissero altrettante con venti volontari e 33 bambini iscritti.

Nei prossimi giorni Comune e istituto comprensivo Calvi, attraverso l’assessore all’Istruzione Angelo Cirtoli e il neo-dirigente scolastico Claudio Venturelli, lanceranno un appello unitario ai genitori: «Non bastano più solo i pensionati — commenta Cirtoli — chiediamo anche a mamme e papà che hanno un po’ di tempo libero al mattino o all’ora dell’uscita pomeridiana dei bambini, di dare la loro disponibilità».

Una volta verificato il numero di potenziali volontari che garantiscano un impegno costante per tutto l’anno, il Comune deciderà se aprire le iscrizioni al piedibus 2014-2015. «Inviteremo i rivoltani ad un incontro per contare quanti di loro ci possano dare una mano — prosegue l’assessore — poi, se i numeri ce lo consentiranno, daremo il via alle adesioni».

Lo stesso Venturelli, che da poche settimane ha preso possesso del nuovo incarico, ha voluto sostenere immediatamente la ricerca di volontari, sposando la causa del Comune: «Ci siamo incontrati pochi giorni fa — conclude Cirtoli — per concordare una lettera da inviare alle famiglie, chiedendo la collaborazione dei genitori per garantire la sopravvivenza di questo servizio. Siamo consapevoli di quanto il Piedibus piaccia ai bambini che vanno volentieri a piedi a scuola, fanno gruppo e si divertono. Per questo faremo tutto il possibile per organizzare l’iniziativa anche per il prossimo anno».

22 Luglio 2014