il network

Lunedì 22 Aprile 2019

Altre notizie da questa sezione


CREMA

Giardini, i padroni dei cani non rispettano i nuovi cartelli

Primi controlli dei vigili, previste multe fino a 150 euro

Giardini, i padroni dei cani non rispettano i nuovi cartelli

I controlli all'interno del Campo di Marte

CREMA - I cartelli di divieto nei parchi pubblici sono ben visibili, i primi controlli, e con essi i primi richiami, da parte degli agenti della polizia locale sono già scattati. Per ora, però, gli sforzi del Comune per mettere il guinzaglio ai padroni di cani che non rispettano le nuove limitazioni, non sembrano dare i frutti sperati. Mercoledì 20 agosto nel  pomeriggio a Campo di Marte gli agenti della polizia locale avevano invitato alcune persone che stazionavano sulle panchine a mettere il guinzaglio ai propri animali, lasciati liberi di scorrazzare in un’area del parco dove è entrato in vigore da alcuni giorni l’obbligo di tenerli al guinzaglio (cartello giallo). Purtroppo, come abbiamo verificato di persona, all'indomani all’ora di pranzo gli stessi cani erano ancora liberi di muoversi nel parco, con i padroni seduti sulle panchine, incuranti del divieto.

La campagna lanciata dal Comune con un’ordinanza emessa la scorsa settimana, ha portato a delimitare giardini e zone a verde pubblico con quattro tipologie di cartelli: dove c’è la bandierina rossa l’amico a quattro zampe non può entrare; se il contrassegno è giallo può essere portato nel parco, ma al guinzaglio. Il cartello verde significa che l’area è adibita espressamente allo sgambamento dei cani e dunque ‘Fido’ può essere lasciato libero. C’è poi il verde barrato che indica quelle aree non attrezzate e non recintate, in cui dunque non c’è un vero parco pubblico, ma è comunque consentito liberare l’animale.

Il provvedimento prevede per i trasgressori multe tra i 100 e i 150 euro. 

Leggi di più sul giornale di venerdì 22 agosto

21 Agosto 2014