il network

Domenica 24 Settembre 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


Campagnola Cremasca. Colpite due ditte specializzate

Rubati telai e cerchioni
colpo da 90.000 euro

I ladri hanno agito nella notte disinnescando l'allarme di Dedacciai e Dedaelementi

la dedacciai dove è avvenuto il furto

I carabinieri intervenuti sul luogo del furto

CAMPAGNOLA CREMASCA — Colpo da 90mila euro ai danni delle ditte ‘Dedacciai’ e ‘Deda Elementi’ che producono telai, cerchioni e componenti per biciclette di alto livello usate anche da grandi campioni. Un colpo da professionisti che, con ogni probabilità, è stato commissionato da persone che sanno dove piazzare oggetti così raffinati tecnologicamente e di prezzo elevato: 1600 euro per una coppia di cerchioni, da 400 a 1200 per i telai, fortunatamente assicurati. Ad agire secondo i carabinieri del nucleo operativo almeno tre persone abbastanza svelte, il tutto non dovrebbe essere durato più di dieci minuti. Poi sono fuggiti su un furgone. Il colpo è avvenuto fra la una e mezza e le due quando è scattato l’allarme del secondo capannone che li ha costretti a una precipitosa fuga. Forse hanno commesso un errore, convinti di aver disinserito tutti i sensori dell’impianto d’allarme. Invece avevano messo fuori uso quelli di un solo capannone. Qui hanno prelevato i telai. Secondo la ricostruzione dei carabinieri due lavoravano all’interno, accatastavano i telai e li portavano fuori a mano. In fatti non sono riusciti a entrare con il furgone e hanno dovuto fare lavoro di ‘facchinaggio’. Quindi si sono spostati nell’altro capannone dove sono riusciti a prendere i cerchioni, ma poi sono dovuti fuggire perché è scattato l’allarme. Secondo gli inquirenti due sono i mercati a cui sono destinati: l’estero, soprattutto l’Est Europa e la vendita polverizzata sui siti on line. Si tratta di pezzi a volte unici e comunque riservati a veri appassionati con disponibilità economiche. Non si sa che direzione abbiano preso perché nella zona purtroppo non ci sono telecamere posizionate in modo da riprendere il furto e la fuga. I carabinieri si sono messi subito al lavoro e le pattuglie sparse sul territorio sono state avvisate di ricercare e fermare furgoni, ma per ora con esito negativo.

20 Febbraio 2013