il network

Martedì 30 Maggio 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


Sanzione di 500 euro a seguito di un sopralluogo dei tecnici

Agnadello, Comune multato dall'Asl

Mancavano i certificati per l'impianto elettrico, l'amministrazione ha provveduto subito a sistemare le cose

Il municipio di Agnadello
AGNADELLO — «E’ colpa di chi c’è stato per tanti prima di noi». «No, è colpa di chi ha buttato via i soldi per la completa ristrutturazione del municipio, che erano già a disposizione». E’ un palleggio di responsabilità quello che la maggioranza di centrodestra e la minoranza di centrosinistra si stanno attribuendo in relazione alla multa di 500 euro comminata dall’Asl al Comune di Agnadello a seguito di un sopralluogo, nel quale i funzionari hanno riscontrato la mancanza di certificazioni sull’impianto elettrico del complesso edilizio che ospita il municipio. «L’Asl — spiega l’assessore all’Urbanistica Mario Uberti — ha riscontrato la mancanza della dichiarazione di rispondenza dell’impianto elettrico e di tutta la certificazione dell’impianto di messa a terra. Noi amministratori non sapevano di queste mancanze, dando per scontato che chi ci ha preceduto avesse provveduto agli adempimenti richiesti dalle varie leggi. A quanto pare non è stato così». L’ex maggioranza consiliare, oggi minoranza, replicare per voce del consigliere comunale Danilo Borghini: «Quando nel 2008 abbiamo sistemato l’ala di via Vailate del complesso municipale — afferma — l’impianto elettrico è stato messo a norma. Poi la nostra intenzione era quella di ristrutturare completamente tutto l’edificio comunale rifacendo, ovviamente, anche gli impianti. Se ci fossimo stati ancora noi ad amministrare Agnadello, l’Asl avrebbe trovato un municipio adeguato ai tempi, con tutti gli impianti nuovi».

28 Febbraio 2013