il network

Domenica 20 Agosto 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


Inckontro organizzato dal Fatf

Il senso dell'Europa spiegato agli studenti

Lo studioso Klaus Reichert interviene al San Domenico di fronte a 400 ragazzi

Il pubblico dell'incontro del Fatf zsull'Europa

Oltre 400 studenti presenti all'incontro

“Verrà un giorno in cui tutte le nazioni, senza perdere la loro peculiarità, si uniranno per costruire una grande fratellanza europea. Verrà un giorno in cui ci sarà un grande Senato sovrano che legifererà per tutti e in cui gli Stati Uniti d’Europa tenderanno la mano a quelli d’America”.

E’ partito dal discorso pronunciato dallo scrittore e politico francese Victor Hugo nel 1848 alla conferenza di pace di Parigi, lo studioso tedesco Klaus Reichert nel suo intervento al convegno dal titolo ‘Europa, in che senso?’, che ha puntato a spiegare qual è il senso dell’Europa, se sia giusto tendere ad un processo di sempre maggiore integrazione tra le nazioni e con quali modi, tempi e mezzi, che si è tenuto ieri mattina al teatro San Domenico.

“Il sogno di Hugo — ha spiegato Reichert, attraverso la traduzione di Carmen Grau - è fallito. Oggi esistono una Comunità Economica e monetaria, ma non un’unione politica. Purtroppo, si insiste ancora sulle identità nazionali, senza capire che non esistono gli italiani e i tedeschi. Esistono invece i cremaschi e i bergamaschi, i prussiani e i bavaresi. Così come non esistono i turchi, che sono discendenti di etnie e popoli diversi, così come non esisteva la Jugoslavia. Dov’è quell’identità di cui si parla così spesso? La fondazione degli Stati nazionali ha costituito un disastro, mettendo insieme cose che non possono andare insieme. Cosa hanno in comune piemontesi e siciliani per stare nello stesso Stato?”.

Secondo lo studioso tedesco, una possibilità di unità esiste. “E’ nelle nostre radici comuni, che sono le civiltà greca e romana”.

All’intervento di Reichert, preceduto dall’introduzione di Paolo Gualandris del Caffè Letterario e da quello del moderatore giornalista ed economista Alberto Mingardi, ha fatto seguito quello del secondo relatore, di Franco Cardini, già presidente dell’associazione Identità Europea.

Ad ascoltare gli interventi c’erano circa 400 studenti dello Sraffa, del liceo Racchetti, del liceo Da Vinci e dell’istituto Galilei. L’evento è stato organizzato dal Franco Agostino Teatro Festival, non nuovo a momenti di riflessione e di confronto pubblico su temi d’attualità, in collaborazione con il centro diocesano Lucchi e il Caffè Letterario.

03 Marzo 2013