il network

Giovedì 14 Dicembre 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


PANDINO

Tentano di rubare ai ladri e li fanno scoprire

Sul pullman preso di mira da un malvivente la refurtiva, i carabinieri scoprono tutto. Fermati due albanesi

I carabinieri con la refurtiva recuperata

PANDINO – Scoperti per aver subito un tentativo di furto. E' successo a due albanesi di Cassano d'Adda che avevano parcheggiato a Pandino un autobus col bagagliaio carico di oggetti rubati. Il mezzo sarebbe passato inosservato se nella notte non avesse subito un tentativo di furto che ha attirato l'attenzione dei carabinieri.

Uno sconosciuto, poco dopo la mezzanotte, ha cercato di forzare il portabagagli dell’autobus posteggiato alle porte del paese. Qualcuno ha avvertito i carabinieri dei movimenti sospetti attorno al pullman ma all’arrivo della pattuglia l’aspirante ladro si era già dileguato. In compenso i militari del ‘112’ si sono concentrati sul materiale stipato nel vano laterale, tra cui figuravano addirittura coppe per premiazioni sportive da cui è stato possibile scoprire che parte nel materiale era rubato. Risaliti a chi avesse noleggiato il mezzo, i militari hanno bloccato i due giovani autisti albanesi all’uscita dall’abitazione di Cassano d’Adda. “In loro presenza — ha spiegato il capitano Antonio Savino, al comando della Compagnia dei carabinieri di Crema — è stato redatto un inventario della merce recuperata. Ed è stato accertato che due set di arnesi da lavoro ed attrezzature elettriche erano spariti da un autocarro a Bovolone, in novembre; due computer portatili erano stati prelevati dall’abitazione di una donna di Saronno, sempre in autunno; un terzo portatile era stato prelevato da un appartamento veronese ed il furto di un quarto ‘pc’ era stato denunciato in provincia di Monza”.

I due sono stati fermati e trasferiti al penitenziario di Cremona.

16 Marzo 2013