il network

Giovedì 17 Agosto 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMA Trattativa in atto con Scs servizi locali

Piscina, allarme delle società: "Costi record, rischio chiusura"

Francesco Parietti della Pallanuoto Crema spiega: "Venti euro l'ora non li paga nessuno in Italia".

L'interno piscina comunale di Crema

“Il costo orario di una corsia al centro natatorio di Crema, senza istruttore, è di 20 euro: elevatissimo. Nessuna piscina da 25 metri in Italia ha queste tariffe. Come società sportive che la utilizzano abbiamo chiesto una rateizzazione dei pagamenti, altrimenti chiudiamo tutti. Attenzione, che non è lontano questo momento”. Francesco Parietti, presidente della Pallanuoto Crema, fa sentire la propria voce nel momento in cui è in atto una trattativa tra Scs Servizi Locali, che gestisce l’intero centro sportivo comunale ‘Nino Bellini’ e le società di nuoto e di sub che frequentano il centro natatorio per allenamenti e gare.

“Per i sette mesi all’anno che utilizziamo le vasche - spiega Parietti - paghiamo complessivamente 12mila euro. Gli allenamenti li facciamo alla sera, dalle 21 alle 23. Le società di nuoto pagano invece dai 13 ai 14mila euro; un po’ meno i sub che utilizzano la piscina una sola volta alla settimana”.

Negli incontri avuti finora con il direttore del centro natatorio Rosolo Orini, non si è comunque parlato di aumenti di tariffe. Nonostante ciò, Parietti è preoccupato. “Scs è in grave difficoltà, ma non può gravare sulle società sportive. Noi come le altre società facciamo praticare sport a tantissimi giovani, ma di questo passo sarà difficile continuare a farlo”.

Molte delle società sportive (Rari Nantes, Crema Nuoto, Pallanuoto Crema, Master Crema, Crema Sub e Diving Center) utilizzano le corsie in orari pomeridiani, quando la richiesta dell’utenza è alta e il ‘valore’ della corsia diventa maggiore. Dai corsi di nuoto e acquagym e dal nuoto libero la piscina ottiene i suoi ricavi maggiori. Una soluzione potrebbe essere quella di rivedere gli orari, ma non agevola il fatto che le società siano numerose.

20 Marzo 2013