il network

Martedì 27 Giugno 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


Cremasco. Soffrono anche le iniziative storiche come il carnevale e la tortellata

Crollano i turisti
Meno 17% in un anno

La crisi si fa sentire anche in questo settore: le presenze nel 2012 sono state 11.500, l'anno precedente erano 2000 in più

Anche il carnevale cremasco soffre la crisi del turismo

La crisi economica nel Cremasco si fa sentire anche nel settore del turismo. Tra il 2011 e il 2012 si è infatti registrato un calo del 17% di presenze in città che l’anno scorso sono state 11.548. Una discesa verticale che non viene frenata dalle feste più celebrate del territorio: il Carnevale cremasco e la tortellata. I mesi di febbraio e agosto sono infatti quelli di maggior stallo per il movimento turistico secondo i dati forniti nella ricerca pubblicata dalla provincia di Cremona. Negli ultimi due anni le presenze in agosto in città si sono attestate sulle 400 unità e si è trattato del mese con i numeri più scarni, mentre il picco è stato registrato nei periodi primaverile e autunnale ed in particolare a ottobre: sono stati 1.339 i turisti che hanno visitato i monumenti cittadini o assistito alle iniziative locali. Non si tratta di un turismo mordi e fuggi, visto che il numero di pernottamenti nelle strutture cittadine è passato da 32.390 nel 2011 a 25.764 nel 2012 con una media che supera le due notti per ogni presenza e anche in questo caso nel mese di agosto si è registrato un calo consistente. Flessione che riguarda sia il turismo degli italiani che stranieri, che rappresentano il 35% del totale sono calati in misura inferiore.

07 Aprile 2013