il network

Domenica 20 Agosto 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


Crema. Gli spazi ristrutturati nel 2001 e da allora mai utilizzati

Sì all'utilizzo della mansarda
Il Folcioni nell'Austroungarico

La Soprintendenza approva il progetto del Comune di Crema, che impegnerà 20mila euro per collegare il sottotetto alla scuola

La mansarda del mercato austroungarico
Sì all’utilizzo della mansarda del mercato austroungarico. E’ un via libera preziosissimo quello che la Soprintendenza ai beni architettonici ha concesso nei giorni scorsi al Comune di Crema. Rimesso a nuovo con soldi pubblici una dozzina d’anni fa, da allora il sottotetto della struttura di piazza Trento e Trieste è rimasto chiuso a chiave, sconosciuto ai più, rappresentando forse il caso più emblematico di come a volte gli spazi non è vero che non ci siano: ci sono ma non si trova il modo di valorizzarli, addirittura nemmeno di sfruttarli. L’onore spetterà ora al Folcioni, che in mansarda insegnerà la musica ai ragazzi. Il costo del progetto è stimato in 20mila euro: «Trattandosi di una spesa per investimenti — spiega Bergamaschi — si dovrà attendere l’approvazione del bilancio, dopodiché sarà possibile aprire il cantiere». La speranza è di poter consegnare gli spazi al Folcioni entro ottobre, per l’inizio dell’anno scolastico 2013/14. Soddisfatto il presidente della Fondazione San Domenico Giovanni Marotta: «Gli spazi sopra il mercato austroungarico — commenta — darebbero sfogo alle attività del teatro e dell’istituto Folcioni».

07 Aprile 2013