il network

Giovedì 16 Agosto 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Crema. In piazza i sindacati di tutta la provincia

Festa del lavoro che non c'è
Da inizio anno 240 licenziati

La manifestazione in programma a Crema come occasione per fare il punto della situazione, sempre più allarmante

Una manifestazione sindacale in piazza Duomo a Crema
La festa del lavoro, che non c’è più. Il primo maggio in città si festeggia con la manifestazione provinciale dei sindacati, con inizio alle 10,30 in piazza Marconi. Mai come quest’anno, però, il lavoro manca, soprattutto nel Cremasco, dove centinaia di piccole e medie imprese sono in crisi e si registra un incremento preoccupante di persone collocate in mobilità. Ad oggi, e solo da inizio anno, sono state 240. «Negli ultimi mesi — spiega Rita Brambini, segretario della Cgil di Cremona — stiamo registrando un aumento esponenziale delle persone che si rivolgono ai nostri centri per il lavoro. La fascia più colpita dalla crisi è quella dei 45-50enni che perdono la propria occupazione, o vengono messi in cassa integrazione. Non abbiamo numeri precisi di queste richieste di aiuto, ma posso confermare che ogni mattina, fuori dai nostri sportelli, c’è la fila. Sta emergendo anche un altro problema. Il rischio che finiscano i fondi per finanziare la cassa in deroga. Su questi temi dobbiamo fare fronte comune con le istituzioni per rimettere al centro la creazione di nuovi posti di lavoro e il rilancio della piccola media impresa. Sono proprio quelle aziende con pochi dipendenti che oggi stanno pagando il prezzo più alto alla crisi. Realtà che non fanno notizia, ma che rappresentano il vero tessuto occupazionale e produttivo del Cremasco».

30 Aprile 2013