il network

Venerdì 22 Giugno 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Crema. L'uomo, originario di Casaletto Ceredano, era un mediatore del mercato agricolo

Dendena, il cremasco che morì
nella strage di piazza Fontana

La storia raccontata in un libro che verrà presentato domenica in biblioteca e successivamente nelle scuole cittadine

La storica foto che immortala la strage di piazza Fontana
«Un libro per ricordare e cercare la verità». Ecco cos’è ‘Ora che ricordo ancora’, volume che racconta la storia di Francesca Dendena — figlia di Pietro Dendena, originario di Casaletto Ceredano, una delle diciassette vittime della strage di piazza Fontana — e che domenica (ore 17.15) verrà presentato in biblioteca. In un secondo momento, venerdì 17 maggio alle 11.30 in sala Alessandrini, sarà nuovamente presentato agli studenti dei licei cittadini. L’iniziativa è promossa dall’assessore alla Cultura Paola Vailati in collaborazione con l’associazione ‘Piazza Fontana 12 dicembre 69: centro studi e iniziative sulle stragi politiche degli anni 70’, di cui la Dendena è stata presidente fino al 2010, quando è prematuramente scomparsa. «Avrebbe voluto scrivere un libro per raccontare 40 anni di impegno civile e di ricerca della verità, ma la morte se l’è portata via prima» ha spiegato ieri il nipote Matteo Dendena, che lo scorso anno si è assunto il compito di redarre il volume e rendere testimonianza della ‘crociata’ della zia. Sarà proprio il ragazzo, residente a Crespiatica, a presentare il libro in biblioteca insieme al suo ex professore Franco Gallo.

09 Maggio 2013