il network

Giovedì 26 Aprile 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Palazzo Pignano

Ginelli denuncia consulenze d'oro

L'ex sindaco punta il dito contro i 200mila euro pagati dal comune a professionisti esterni

Il consiglio comunale di Palazzo Pignano

PALAZZO PIGNANO - Se il prossimo consiglio comunale potrà essere l’ultimo in questo mandato per Antonio Ginelli, ‘espulso’ per incompatibilità, l’ex sindaco di Palazzo Pignano prima di lasciare punta il dito sulla gestione dell’attuale giunta, denunciando le consulenze d’oro che secondo lui sfiorano i 200mila euro. “Le spese sostenute da questa amministrazione, specialmente nel settore urbanistico e legale, attraverso l’affidamento a professionisti esterni, di consulenze e progetti, sono senza giustificazioni”, commenta Ginelli. Nel settore urbanistica ci sono studi e progettazioni per 114mila euro. Altri 12.000 euro sono relativi al piano di governo del territorio e 50mila per l’ampliamento della scuola elementare. Riguardo alle spese legali 10.500 sono dovuti all’istituzione del collegio arbitrale per dirimere la controversia tra Scs e il comune, altri 47mila derivano da liti culminate a giudizio. Altri 11.300 sono riferibili a consulenze di avvocati. Tra l’altro dal 2011 ad oggi, il Comune ha speso soldi per essere assistito quotidianamente da uno studio legale, che ha vinto la gara indetta per cause promosse, stimato dall’opposizione in circa 40mila euro.  

31 Maggio 2013