il network

Mercoledì 12 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Cremasco

Salini: "I lavori del secondo lotto della Paullese rischiano di slittare al 2014"

L'allarme del presidente provinciale preoccupato dal ricorso al Tar della ditta Beltrami

La nuova Paullese raddoppiata
Il rischio è che l'avvio dei lavori per il secondo lotto del raddoppio della Paullese (Dovera, ponte sul fiume Adda a Spino) slitti di sei mesi se non addirittura di un anno. Una possibilità più che fondata, come ha spiegato oggi a mezzogiorno il presidente provinciale Massimiliano Salini di fronte ai sindaci cremaschi dell'asta, nel corso dell'incontro per la firma della convenzione sulla gestione delle strade di servizio dell'ex statale raddoppiata. Il ricorso al Tar contro l’aggiudicazione dei lavori del secondo lotto da parte della ditta Beltrami spa, potrebbe causare lo slittamento dell’inizio dell’opera al 2014, con la conseguente impossibilità di concludere l’opera entro Expo 2015. "Credo che su una gara d’appalto i cui contenuti ammontano a 2.000 pagine, sia inevitabile che il Tribunale amministrativo regionale si pronunci per una sospensiva — ha spiegato Salini — per avere il tempo di esaminare tutto. Speravo che la Beltrami non la richiedesse e si limitasse al giudizio di merito, ma così non è stato. Se mercoledì (data in cui si riunirà la camera di consiglio a Brescia, ndr) le cose andranno come penso, per il giudizio di merito sull’appalto si dovrà aspettare almeno l’inizio dell’anno prossimo. Da parte nostra non c’è alcuna volontà di intervenire sul lavoro dei giudici amministrativi, ma come dimostrato nei giorni scorsi in occasione della firma da parte di tutti gli attori istituzionali ed economici del territorio al nostro appello che chiede di non fermare il cantiere, la volontà di tutti è quella che un’opera così fondamentale per il Cremasco e il resto della Provincia possa andare avanti". Il ricorso presentato dalla Beltrami spa, azienda di costruzioni di Paderno Ponchielli, contesta l’assegnazione dell’appalto da 22 milioni di euro per la realizzazione del secondo lotto alla trevigiana Carron, impresa che ha già costruito il primo tratto. 

05 Giugno 2013