il network

Mercoledì 19 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Crema. "La Soprintendenza ha tempi lunghissimi, dobbiamo aspettare il loro parere"

Duomo, il restauro infinito
"Manca l'ok alle nuove luci"

Don Barbaglio, presidente della commissione che cura i lavori, fa il punto sul cantiere iniziato nel 2010 e non ancora terminato

Duomo, il restauro infinito
"Manca l'ok alle nuove luci"
La prima notizia è che «non è vero che la Soprintendenza ha dato parere positivo, siamo ancora in attesa, potrebbero passare dei mesi». La seconda notizia è che «non apriremo la cattedrale fino a quando il cantiere sarà completamente terminato, nonostante il vescovo Oscar Cantoni si sia augurato il contrario». C’è ben poco di positivo nelle parole con cui Vito Barbaglio, presidente della commissione per il restauro del Duomo, aggiorna i fedeli sullo stato di avanzamento dei lavori. Nei giorni scorsi, in città, era circolata la voce che la Soprintendenza avrebbe approvato il nuovo progetto relativo all’impianto di illuminazione, ripresentato dalla commissione dopo che il primo proposto era stato bocciato. «Non c’è ancora alcun via libera — precisa Barbaglio —: al momento solo la Soprintendenza di Mantova ha dato il suo consenso, ma servono anche i pareri positivi degli uffici di Brescia e soprattutto di quelli di Milano, che per ora non ci hanno fatto sapere nulla». Un silenzio che potrebbe perdurare a lungo: «Per legge hanno sei mesi di tempo per giudicare il progetto, lo abbiamo presentato due mesi fa dunque potenzialmente c’è ancora molto da aspettare». Don Barbaglio lo dice con un pizzico di rabbia: «I tempi della burocrazia sono vergognosi — commenta —, siamo con le mani legate ma non c’è alternativa». Il presidente della commissione, infine, frena sull’ipotesi avanzata dal vescovo di aprire comunque la cattedrale nei prossimi mesi anche se i lavori non saranno terminati, di modo da cominciare a mostrarla ai fedeli: «Non scherziamo — commenta Barbaglio —, finché non è tutto a posto non me la sento di autorizzare nessuno, anche per questioni di sicurezza».

05 Agosto 2013