il network

Martedì 11 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Crema. Interessanti prospettive, invece, da un punto di vista sociale

La protesta di San Bernardino
"Meno traffico e più ciclabili"

Il quartiere attende ancora la pista per Offanengo e chiede interventi preventivi per la sicurezza stradale

Il quartiere di San Bernardino
La ciclabile più richiesta — quella per Offanengo — rimane un miraggio, in compenso arriveranno presto quella per Izano e alcuni interventi migliorativi delle piste interne al quartiere. Non migliorano invece il traffico e la sicurezza stradale, tallone d’Achille di una periferia scambiata spesso per pista automobilistica. La bella notizia riguarda invece l’ambito sociale: la nuova comunità alloggio per anziani, i cui lavori di costruzione procedono a gonfie vele, rappresenterà presto un importante punto di riferimento per la terza età. Di questo, sostanzialmente, si discute oggi a San Bernardino. Le richieste dei residenti riguardano quasi per intero la viabilità. Il lungo rettilineo di via Brescia, nonostante l’abbondante presenza di dossi e di strisce pedonali rialzate, continua ad essere percorso da auto che sfrecciano a tutta velocità. Il quartiere chiede anche il prolungamento della ciclabile fino ad Offanengo. La speranza è legata all’accordo a cui stanno lavorando il Comune e la Fondazione Benefattori Cremaschi, quest’ultima proprietaria di terreni per 55mila metri quadrati nel quartiere. Stando al Pgt, nel momento in cui quei terreni venissero convertiti in area edificabile, la Fondazione dovrebbe cederne il 30% al Comune. L’amministrazione però sarebbe disposta a rinunciare alla sua parte in cambio di un duplice impegno da parte della Fondazione: la destinazione di somme corrispondenti a quel 30% in progetti dalle finalità sociali e la realizzazione della pista ciclabile per Offanengo.

17 Agosto 2013