il network

Lunedì 19 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Crema. Ma non tutti sono stati pubblicati

Presidi, ecco quanto guadagnano quelli cremaschi

Il ministero dell'istruzione ha reso pubblici gli stipendi dei dirigenti scolastici

L'istituto Pacioli

Il ministero dell’Istruzione ha deciso di svelare lo stipendio dei dirigenti scolastici, quelli che una volta venivano definiti presidi, di tutta Italia. Con un’operazione definita di trasparenza sono stati pubblicati i curriculum e l’ammontare degli emolumenti che vanno, per chi guida le scuole di Crema, dai 62.686 fino ai 53.897 euro. Nella graduatoria mancano però i dati di Giuseppe Strada, dirigente del Pacioli e reggente alla media Galmozzi, e di Maria Luisa Carnini, alla guida del liceo Artistico, perché (come si legge sul sito del ministero) «Il dirigente non ha ancora provveduto alla pubblicazione del Curriculum Vitae».Tra gli otto dirigenti di cui è stato pubblico lo stipendio annuale (va sottolineato che si tratta di quote lorde), la cifra più alta spetta a Celestino Cremonesi (preside del liceo Racchetti) che ha dichiarato 62.686 euro di cui 4.090 legati alla retribuzione di risultato. Altri due sono vicini a questa cifra. Infatti Alessandro Samarani, che guida la scuola media Vailati, ha dichiarato uno stipendio di 62.168 euro. Mentre Pietro Bacecchi, dirigente del circolo didattico Crema 2, che arriva a 62.159 euro di cui 3.444 legati al risultato. A 60.715 euro si attesta Vincenzo Cappelli, dirigente dell’Itis Galilei.Si scende così fino ai 53.897 euro lordi di Roberta Mozzi, dell’Istituto Marazzi.Gli stipendi, che partono da una base tabellare che varia dai 40.000 ai 43.000 euro lordi, sono poi influenzati da una parte legata alla posizione, quella alla retribuzione di risultato

18 Agosto 2013