il network

Domenica 24 Giugno 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Iscrizioni alle superiori
Il Galilei supera il Pacioli

A settembre saranno 7.161 gli studenti negli istituti cittadini, di cui 1.766 nelle classi prime

L'Itis Galilei ha il maggior numero di iscritti
L'itis liceo tecnologico Galilei è l'istituto cittadino con il maggior numero di studenti, pari a 1.662. Stando ai dati aggioornati, forniti dalle singole segreterie delle scuole superiori, quest'anno, al suono della prima campanella, saranno ben 7.161 gli studenti che a Crema entreranno in classe. Di questi, 1.766 sono quelli iscritti nelle prime. Il Galilei, è seguito dal Pacioli con 1.605 e dallo Sraffa che, compreso il corso serale, ne conta 1.154. Il Racchetti (licei classico, linguistico e scienze sociali) conta 1.080 iscritti. Le altre scuole superiori sono a corto di clienti. E mai come in questo momento, non avere ragazzi è un grosso guaio. Si rischia il ridimensionamento.
Il calendario scolastico, che in Italia è regionale, prevede che per la Lombardia la prima campanella suoni giovedì 12 settembre; l’ultima l’8 giugno 2014. Per le scuole dell’infanzia, le attività didattiche prenderanno invece il via giovedì 5 settembre e termineranno lunedì 30 giugno 2014. Già decise anche le vacanze uguali per tutti: dal 23 dicembre al 6 gennaio quelle natalizie, dal 17 al 22 aprile quelle pasquali, dal 7 marzo all’8 marzo quelle di Carnevale. L’autonomia scolastica permetterà poi di avere tre giorni di vacanza a discrezione di ogni istituto. Per la nostra Provincia, su invito dell’assessore all’Istruzione, Paola Orini, è stato deciso che questi giorni verranno utilizzati per il ponte del 25 aprile, in modo da poter risparmiare sulle corse scolastiche, che all’ente pubblico costano circa 20mila euro al giorno. Quello che sta per iniziare è anche l’ultimo anno dopo il quale la riforma Gelmini, che alle superiori ha tagliato ore, materie di insegnamento e fondi statali, entrerà a regime. Ciò consentirà di poter discutere seriamente sulla settimana corta, che comporterebbe notevoli risparmi. A parte il Pacioli, che la adotta con successo e con forte gradimento da parte dell’utenza ormai da anni, soltanto il Da Vinci ha accettato di far partire quest’anno una classe prima con orario articolato su cinque giorni. Nel Cremasco adeguarsi all'Europa è sempre un problema.

24 Agosto 2013