il network

Venerdì 24 Maggio 2019

Altre notizie da questa sezione

in corso:

Blog


Crema. Ne verranno prodotte 500 bottiglie

Rosso Gallotta, il vino degli studenti dello Stanga

Coltivato nella cascina gestita dall'istituto da ragazzi e volontari

Gli studenti dell'istituto Stanga al lavoro nel vigneto della cascina Gallotta

Tra i prodotti agroalimentari del Cremasco va ora segnalato anche il Rosso della Gallotta, vale a dire il vino prodotto dagli studenti dell’istituto agrario Stanga di Crema. L’uva è coltivata, appunto, nel vigneto dell’azienda agricola Gallotta, che è gestita dalla scuola ed è diretta da Basilio Monaci. “I vitigni sono Merlot, Sauvignon e Cabernet, che si adattano al nostro clima. Quest’anno ne produrremo 500 bottiglie. Al momento della vendemmia invitiamo le scuole primarie per assistere al processo di vinificazione”.

La cura del vigneto e delle altre produzioni è affidata a Davide De Carli e Matteo Rossani, che nel periodo estivo si sono avvalsi della collaborazione di quattro studenti stagisti — Giada Alberti, Federico Robecchi, Fabrizio Cerniglia e Giulio Spagnoli - e di due persone interessate a fare corsi nel settore agrario - Michele Totaro e Alessandro Inserra- inviati dalla cooperativa Arcobaleno, con la quale è in corso una collaborazione. La scuola di cui è preside Paola Manara e responsabile della sede di Crema Pasquale Riboli, offre ogni estate sei borse di studio di 250 euro ciascuna, messe a disposizione dal Movimento per la Vita. In cambio, gli stagisti devono lavorare 80 ore in un mese nell’azienda agricola e assicurare l’irrigazione degli alberi del Parco della Vita di via Viviani.

La produzione di vino è una novità introdotta di recente. “Quest’anno le prospettive sono ottime - commenta Monaci — e avremo un buonissimo Rosso della Gallotta da 13 gradi. E’ invece un po’ in ritardo la maturazione del nostro mais da polenta. L’opera che svolgono gli studenti è utile e positiva. Durante l’anno scolastico, tutte le classi lavorano in azienda almeno una volta alla settimana nei 25 ettari di terre coltivate”.

27 Agosto 2013