il network

Domenica 21 Ottobre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Crema. Ne verranno prodotte 500 bottiglie

Rosso Gallotta, il vino degli studenti dello Stanga

Coltivato nella cascina gestita dall'istituto da ragazzi e volontari

Gli studenti dell'istituto Stanga al lavoro nel vigneto della cascina Gallotta

Tra i prodotti agroalimentari del Cremasco va ora segnalato anche il Rosso della Gallotta, vale a dire il vino prodotto dagli studenti dell’istituto agrario Stanga di Crema. L’uva è coltivata, appunto, nel vigneto dell’azienda agricola Gallotta, che è gestita dalla scuola ed è diretta da Basilio Monaci. “I vitigni sono Merlot, Sauvignon e Cabernet, che si adattano al nostro clima. Quest’anno ne produrremo 500 bottiglie. Al momento della vendemmia invitiamo le scuole primarie per assistere al processo di vinificazione”.

La cura del vigneto e delle altre produzioni è affidata a Davide De Carli e Matteo Rossani, che nel periodo estivo si sono avvalsi della collaborazione di quattro studenti stagisti — Giada Alberti, Federico Robecchi, Fabrizio Cerniglia e Giulio Spagnoli - e di due persone interessate a fare corsi nel settore agrario - Michele Totaro e Alessandro Inserra- inviati dalla cooperativa Arcobaleno, con la quale è in corso una collaborazione. La scuola di cui è preside Paola Manara e responsabile della sede di Crema Pasquale Riboli, offre ogni estate sei borse di studio di 250 euro ciascuna, messe a disposizione dal Movimento per la Vita. In cambio, gli stagisti devono lavorare 80 ore in un mese nell’azienda agricola e assicurare l’irrigazione degli alberi del Parco della Vita di via Viviani.

La produzione di vino è una novità introdotta di recente. “Quest’anno le prospettive sono ottime - commenta Monaci — e avremo un buonissimo Rosso della Gallotta da 13 gradi. E’ invece un po’ in ritardo la maturazione del nostro mais da polenta. L’opera che svolgono gli studenti è utile e positiva. Durante l’anno scolastico, tutte le classi lavorano in azienda almeno una volta alla settimana nei 25 ettari di terre coltivate”.

27 Agosto 2013