il network

Lunedì 10 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Romanengo. Nella zona industriale

Rapina finisce nel sangue, subito presi gli autori

Fermati dai carabinieri a Romano di Lombardia due ore dopo il fallito colpo di oggi pomeriggio. Uno di loro era rimasto ferito e aveva perso la pistola

Rapina finisce nel sangue, subito presi gli autori

La pistola abbandonata a terra dal rapinatore ferito

ROMANENGO - E' durata due ore la fuga dell'uomo che, oggi pomeriggio pistola in pugno e volto celato da una calzamaglia, ha cercato di rapinare il D Più discount di via delle Industrie. Bergamasco, già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato dai carabinieri nei pressi di Romano di Lombardia. In cella anche il complice, anch'egli italiano, che lo attendeva fuori dal punto vendita a bordo di una Fiat Panda rossa. 
Entrato poco dopo le 16,30 nel supermercato, il bergamasco aveva puntato la pistola in faccia alla cassiera: "Portami alla cassaforte". Un commesso aveva reagito e il apinatore aveva sparato in aria, senza ferire nessuno. Poi era stato colpito al fianco e al polso da due coltellate durante la colluttazione. Caduto a terra, la pistola gli era sfuggita di mano. Nonostante perdesse molto sangue era comunque riuscito a fuggire a piedi, per poi salire sull'auto del complice. Quest'ultimo, per aprirgli una via di fuga, aveva precedentemente sfondato la vetrina del discount in retromarcia.

03 Settembre 2013