il network

Domenica 18 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Tribunale, fine dei giochi

In città rimarrà solo un archivio. Lunedì comincia l'ultima settimana di vita. Il palazzo di giustizia chiuderà venerdì

I manifestanti di fronte a palazzo di giustizia
L'addio è definitivo, ogni speranza di soppravivenza residua finisce nel cassetto. L'ultimo assalto alla diligenza si è concluso stamattina. I posti disponibili per assicurarsi altri due anni di sopravvivenza per i rispettivi tribunali in via di soppressione, se li sono assicurati otto città da un capo all’altro dello Stivale: da Pinerolo a Vigevano, passando per Rossano. Crema, neanche a dirlo, è rimasta a terra. E, a questo punto, è iniziato il conto alla rovescia per la cittadella della giustizia di via Macallè. Quella che aprirà lunedì sarà infatti l’ultima settimana di vita, prima del trasferimento a Cremona degli incartamenti. In città rimarrà semplicemente un archivio, che costerà alle casse comunali poco meno di un milione di euro l’anno. A tanto ammontano infatti le spese di mantenimento dello stabile: 600mila euro d’affitto annuo, che il ministero della Giustizia non versa dal 2004 — "Ma per lo meno ci veniva assicurato un servizio", rimarca il sindaco Stefania Bonaldi — e 350mila di spese di manutenzione e gestione. Da Roma, garantiscono un rimborso di un terzo di quest’ultima voce, pari a 120mila euro l’anno.

06 Settembre 2013