il network

Giovedì 26 Aprile 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

In 10.000 per la prima campanella

Tra domani e giovedì ricomincia la scuola Salva l'autonomia dello scientifico Da Vinci L'elenco di tutti i presidi

L'istituto Pacioli insieme al Racchetti anticipa il via alle lezioni
Sono 7.161 studenti alle superiori e circa 3.000 tra medie e elementari. Per tutti, tra domani e giovedì, suonerà la prima campanella. Nelle superiori cominceranno per primi i ragazzi del Racchetti (classico, linguistico e scienze sociali) e del Pacioli. Novità della vigilia il liceo scientifico Da Vinci salva la propria presidenza, che gli era stata tolta a causa del limitato numero di studenti. La notizia si è avuta nel consiglio dei ministri di ieri ed è stata confermata dall’assessore provinciale all’Istruzione, Paola Orini. "E’ passato il criterio della media territoriale, secondo il quale ogni Regione accorda un preside e un dirigente amministrativo ogni 900 studenti. Siccome da noi la media è superiore a questo numero, il Da Vinci potrà mantenere la presidenza. Siamo in attesa di sapere se già da quest’anno scolastico o dal prossimo". Completato anche l'elenco dei presidi per l’anno scolastico 2013-2014 sul territorio cremasco sono i seguenti: istituto comprensivo di Bagnolo Cremasco, Ernesto Abbà (reggente); Liceo artistico, Flavio Arpini (reggente); Ic Crema Due, Pietro Bacecchi; Ic Crema Tre, Giuseppe Strada (reggente); Ic Crema Uno, Maria Cristina Rabbaglio; istituto Galilei, Franco Gallo; liceo scientifico Da Vinci, Franco Gallo (reggente); istituto Pacioli, Giuseppe Strada; Liceo Racchetti, Celestino Cremonesi; istituto Sraffa, Ernesto Abbà; Ic Montodine, Maria Simonetta Bianchessi; Ic Offanengo, Flavio Arpini; Ic Pandino, Maria Grazia Crispiatico; Ic Rivolta d’Adda, Alessandro Samarani (reggente); Ic Sergnano, Giuseppe Noci; Ic Spino d’Adda, Pietro Bacecchi (reggente); Ic Trescore Cremasco, Tullia Guerini Rocco. Gallo dal primo gennaio potrebbe essere nominato ispettore; a quel punto due istituti e oltre 2.200 studenti si ritroverebbero di colpo senza preside. Il consiglio dei ministri di ieri ha detto 'no' agli incarichi di presidenza, privilegiando le reggenze, soluzione più risparmiosa, ma tutt’altro che ideale. 
Tra le scuole superiori pubbliche cittadine quella con più studenti è il Galilei (1.662), segue il Pacioli (1.605). Poi Straffa (1.154), Racchetti (1.080), Da Vinci (575), Munari (448), Marazzi (286), Stanga (241) e Stanga casearia di Pandino (110).

10 Settembre 2013