il network

Mercoledì 18 Luglio 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

La città ricorda Beppe Ermentini

Tanta gente al museo civico per l'incontro nel decennale dalla scomparsa dell'architetto

Luciano Bertoli, Vittorio Dornetti e Nuvola De Capua
Beppe Ermentini, morto dieci anni fa, è rivissuto ieri sera al Sant’Agostino nella sala dell’ex biblioteca conventuale del museo di Crema. Alla presenza di un pubblico attento e qualificato l’illustre concittadino — architetto e archeologo — è stato ricordato soprattutto attraverso la sua opera poetica, una delle tante attività che l’eclettico personaggio ha svolto con rigore e maestria. Era anche valente collezionista di cartoline d’epoca ed esperto filatelico. L’appuntamento, organizzato dal Circolo culturale collezionistico cremasco, intitolato allo stesso Beppe Ermentini, è stato introdotto dal presidente Francesco Dal Negro. Poche, ma sentite parole per un caro amico. Poi il microfono a Vittorio Dornetti. Il professore, attraverso un’analisi critica delle poesie, ha evidenziato l’influenza di Giovanni Pascoli, Gabriele D’Annunzio, Giuseppe Ungaretti ed Eugenio Montale sull’opera di Ermentini. Una disamina fredda e precisa. A seguire, l’intervento di Nuvola De Capua. Il suo, a differenza di quello di Dornetti, è stato un ricordo più dettato dal cuore che dall’analisi dei testi. La De Capua si è soffermata sull’uomo più che sul poeta. Emozionata, ha sottolineato alcuni aspetti di un uomo amante della vita, positivo. Soprattutto pacifista. Ha citato i ‘Diari della prigionia’ e accennato alla collaborazione instaurata con lui per uno spettacolo poi messo in scena dall’attore Carlo Rivolta. La lettura di alcune poesie a cura di Luciano Bertoli ha concluso la serata.

17 Settembre 2013